Traduci la pagina con Google Translate:


Accesso a giardini, parchi ed aree pubbliche

Ai cani accompagnati dal proprietario o da altro detentore è consentito l'accesso a tutte le aree pubbliche o di uso pubblico compresi parchi, giardini ed aree verdi attrezzate ad eccezione delle aree ad uso esclusivo di giochi per l’infanzia, nonchè al Parco delle Cascine di Tavola, come previsto dall'art. 24 del Regolamento comunale per la tutela degli animali.

Norme di comportamento per i padroni

  • tenere l'animale al guinzaglio (di lunghezza non superiore a due metri)
  • munire i cani di indole mordace di apposita museruola (di materiale atossico, adatta alla taglia, alla razza e che impedisca al cane di mordere ma non di bere). Tutti i cuccioli fino ai sei mesi di età non hanno l’obbligo della museruola.
  • essere muniti degli strumenti idonei (paletta e/o sacchetto) utili a rimuovere le deiezioni solide degli animali per gettarle negli appositi cassonetti installati per la raccolta dell'immondizia. Tale obbligo non è previsto per persone non vedenti, ipovedenti, diversamente abili e persone con gravi difficoltà motorie.

Aree e percorsi destinate ai cani

Nell'ambito dei giardini, parchi ed altre aree verdi o di uso pubblico sono individuati appositi spazi espressamente riservati alla sgambatura dei cani, segnalati da apposita cartellonistica e dotati delle opportune attrezzature.
Negli spazi è consentito ai conduttori dei cani far correre e giocare liberamente gli animali, senza guinzaglio e museruola, sotto la vigile responsabilità degli accompagnatori, fermo restando l'obbligo di evitare che i cani stessi costituiscano pericolo per le persone, per gli altri animali, o arrechino danni a cose. Anche in tali spazi è obbligatorio rimuovere le deiezioni solide lasciando pulito lo spazio sporcato dagli animali.

Dal momento che l’ingresso ai cani è rigorosamente vietato nel Parco delle Cascine di Tavola (ai sensi del “Regolamento del Verde Pubblico e Privato” del 21.07.2005), è stato istituito, all'interno dello stesso, uno specifico percorso con accesso dal ricostruito Ponte Manetti. È presente un'apposita cartellonistica per indicare i percorsi consentiti (e non), che dà anche informazioni sul Parco.

Sanzioni in caso di inosservanza delle regole

Cani non tenuti al guinzaglio (art. 23 del regolamento del diritto degli animali): da un minimo di 50 Euro a un massimo di 350 Euro;
Mancata asportazione delle deiezioni (art. 26 del regolamento del diritto degli animali): da un minimo di 50 Euro a un massimo di 350 Euro.

Note

Segnalazioni e precisazioni

Sanzioni in caso di inosservanza delle regole

  • Cani non tenuti al guinzaglio  (art. 23 del regolamento del diritto degli animali) : da un minimo di 50 Euro a un massimo di 350 Euro;
  • Mancata asportazione delle deiezioni (art. 26 del regolamento del diritto degli animali): da un minimo di 50 Euro a un massimo di 350 Euro.
inizio testo

Altre informazioni utili

inizio testo
Data ultima revisione dei contenuti della pagina: 30.01.2020

Condividi su:



- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Prato è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it