Traduci la pagina con Google Translate:


Che cos'è

I cittadini, singoli o in gruppi, le associazioni, i comitati, tutti possono collaborare con l'Amministrazione Comunale nella cura di beni comuni urbani, beni ad uso pubblico come ad esempio giardini, aiuole spartitraffico, rotonde stradali, marciapiedi, ma anche edifici, spazi che possono essere pubblici o privati ad uso pubblico ma che di fatto sono beni comuni condivisi da tutta la comunità.

Il nuovo "Regolamento comunale per la gestione civica condivisa di beni comuni" prevede infatti la collaborazione tra Amministrazione e cittadini che vogliano prendersi cura, gestire in maniera condivisa e rigenerare con interventi di vario tipo, beni comuni urbani per garantire e migliorare la loro qualità e la fruibilità collettiva.

Tipologie di beni

Può riguardare spazi pubblici o anche spazi privati ad uso pubblico, beni materiali, immateriali o digitali ed edifici. Può prevedere l'attività di progettazione, organizzazione, animazione, assistenza, produzione culturale, realizzazione di eventi, comunicazione, manutenzione, restauro e riqualificazione dei beni mobili ed immobili in stato di parziale o totale disuso o deperimento.

Tipologie di collaborazione

La collaborazione tra Comune e cittadini attivi può prevedere differenti livelli di intensità e complessità, in particolare la cura occasionale, la cura costante e continuativa, la gestione condivisa occasionale, la gestione condivisa costante e continuativa e la rigenerazione temporanea o permanente.

inizio testo

Requisiti

A chi è rivolto

Tutti i soggetti, associazioni, comitati, gruppi informali di cittadini o anche singoli, che vogliono partecipare attivamente alla vita della comunità, contribuendo al perseguimento dell’interesse generale, e vogliono prendersi cura, gestire, migliorare un bene pubblico o privato ad uso pubblico, come un giardino o un edificio, senza fini commerciali o di lucro.

inizio testo

Come si ottiene

Termini, scadenze, modalità di presentazione della domanda

La proposta può essere spontaneamente formulata dai cittadini o può essere la risposta ad una sollecitazione avanzata dal Comune.

Gli interventi di cura devono sempre essere organizzati in modo da consentire che in qualsiasi momento altri Cittadini interessati possano aggregarsi alle attività.

Proposte e progetti di partecipazione attiva possono essere inviati tramite l’utilizzo della piattaforma informatica OPPIdoo.

 

A chi rivolgersi

Per informazioni: Urp Multiente

inizio testo

Altre informazioni utili

inizio testo
Data ultima revisione dei contenuti della pagina: 29.07.2019

Condividi su:



- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Prato è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it