Traduci la pagina con Google Translate:


In caso di sostituzione della caldaia sono previsti più tipologie di incentivi ai quali è possibile accedere. 

In alternativa alle Detrazioni fiscali per interventi di risparmio energetico su edifici esistenti riscaldati, dal 2013 è in vigore il Conto Energia Termico (CET) un meccanismo che prevede, per interventi impiantistici (installazione di pompe di calore, installazione di generatori a biomassa e installazione di collettori solari termici), la possibilità di ottenere un incentivo in forma di liquidità monetaria e calcolato secondo un meccanismo predefinito. 

I due sistemi sono tra loro opzionali e non sono cumulabili.

 

Il Conto Energia termico (CET) 2.0

In alternativa alla detrazioni fiscali, dal 2013 

Questo sistema di incentivo prevede il riconoscimento di una liquidità a fronte della realizzazione di determinati interventi. Diversamente dalle detrazioni fiscali, non richiede che il fruitore abbia un reddito, ossia paghi le tasse in modo da poter fruire della detrazione.
 

Gli interventi per i quali il privato può fruire dell’incentivo, sono esclusivamente di tipo impiantistico e riguardano:

  • l’installazione di pompe di calore per la climatizzazione invernale in sostituzione di generatori di calore preesistenti;
  • l’installazione di generatori di calore alimentati a biomassa in sostituzione di generatori alimentati a gasolio, olio combustibile, legna e GPL (quest’ultimo solo per interventi realizzati in aree non metanizzate);
  • l’installazione di collettori solari termici, anche in fabbricati di nuova costruzione.

L’entità dell’incentivo non dipende dal valore della spesa sostenuta per gli interventi, ma da vari parametri in generale legati alla quantità di energia rinnovabile che l’impianto installato è in grado di produrre.

Tutto il meccanismo del CET 2.0 viene gestito dal Gestore dei Servizi Energetici (GSE) e la procedura di richiesta dell’incentivo deve essere gestita online attraverso l’iscrizione dell’utente alla piattaforma denominata Portaltermico sul sito del GSE e la compilazione di un format online con alcune informazioni di carattere anagrafico e riferite all’immobile oggetto di intervento.

Sulla stessa piattaforma è necessario caricare i documenti tecnici riferiti all’intervento, oltre alle copie delle fatture e dei bonifici di pagamento effettuati.

 La procedura deve essere gestita entro 60 giorni dalla data di fine dei lavori o di realizzazione dell’intervento.

 

Per maggiori informazioni sul Conto Energia Termico:

Altre informazioni utili

inizio testo
Data ultima revisione dei contenuti della pagina: 09.01.2019

Condividi su:



- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Prato è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it