Comune di Prato


Traduci la pagina con Google Translate:


Che cos'è

Si tratta qui delle attività eseguite nelle officine di auto e motoriparazione: meccanici, carrozzerie, gommisti.

Corrisponde al punto 89 nell'Allegato "A" al D.Lgs. 222/2016 (Madia 2) e, nel Sistema Telematico di Accettazione Regionale (STAR), al codice attività ATECO 45.20.01R, a cui è stata ricondotta anche l'attività già identificata dal codice 45.40.3 "manutenzione e riparazione di motocicli e ciclomotori compresi i pneumatici".

inizio testo

Requisiti

A chi è rivolto

Requisiti professionali:

Rivolgersi alla locale Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura (CCIAA).

inizio testo

Come si ottiene

Termini, scadenze, modalità di presentazione della domanda

 

Esercizio di autoriparatore, se per l'impatto acustico non si superano le soglie della zonizzazione comunale

Si applica il regime amministrativo della SCIA unica (art. 19-bis, comma 2, della Legge 241/1990), prevista qualora per lo svolgimento di un'attività soggetta a Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) siano necessarie altre SCIA o comunicazioni e notifiche. 

Occorre quindi che l'interessato provveda a:

  1. la Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) per attività di autoriparatore, che sarà trasmessa alla CCIIA a cura del SUEAP;
  2. la comunicazione di impatto acustico, mediante compilazione dell'endoprocedimento AD COM 02;

Entro 60 giorni, qualora venga accertata la carenza dei requisiti e dei presupposti richiesti per lo svolgimento dell'attività, il Comune può vietare la prosecuzione dell'attività o richiedere all'interessato di conformarla alla normativa vigente.

 

Esercizio di autoriparatore, se per l'impatto acustico si superano le soglie della zonizzazione comunale

Si applica il regime amministrativo della SCIA condizionata (art. 19-bis, comma 3, della Legge 241/1990), prevista quando l'attività oggetto di Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) sia appunto condizionata all'acquisizione di atti di assenso comunque denominati e non può essere avviata subito, bensì subordinatamente al rilascio del nulla osta.

Occorre quindi che l'interessato provveda a:

  1. la Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) per attività di autoriparatore, che sarà trasmessa alla CCIIA a cura del SUEAP; 
  2. l'istanza in bollo e la documentazione per l'endoprocedimento AD COM 1 ai fini dell'ottenimento del nulla osta di impatto acustico, redatta da un tecnico competente in acustica, con l'indicazione delle misure previste per ridurre o eliminare le emissioni sonore.

Nella ricevuta rilasciata dal SUEAP al presentatore della SCIA sarà specificato che trattasi di SCIA condizionata e che il SUEAP procederà a comunicare il rilascio del nulla osta.

Se varia il responsabile tecnico, mantenendo le stesse competenze, va comunicato solo alla CCIIA.

Se si aggiungono competenze nuove, va comunicato anche al SUEAP.

 

Esercizio di attività che necessita di prevenzione incendi, come ad esempio:

  • officine di riparazione di veicoli a motore, rimorchi per autoveicoli e carrozzerie, di superficie coperta superiore a 300 mq
  • officine meccaniche per lavorazioni a freddo con oltre 25 addetti

Si applica il regime amministrativo della SCIA UNICA (art. 19-bis, comma 2, della Legge 241/1990), prevista qualora per lo svolgimento di un'attività soggetta a Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) siano necessarie altre SCIA o comunicazioni e notifiche. 

Occorre quindi che l'interessato provveda a inviare:

  1. la Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) per attività di autoriparatore, che sarà trasmessa alla CCIIA a cura del SUEAP; 
  2. la Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) prevenzione incendi (endoprocedimento VVF2)  che sarà trasmessa a cura del SUEAP ai Vigili del Fuoco. 

Entro 60 giorni, qualora venga accertata la carenza dei requisiti e dei presupposti richiesti per lo svolgimento dell'attività, il Comune può vietare la prosecuzione dell'attività o richiedere all'interessato di conformarla alla normativa vigente.

 

Emissioni in atmosfera in caso di riparazione e verniciatura di carrozzerie di autoveicoli, mezzi e macchine agricole con utilizzo di impianti a ciclo aperto e utilizzo complessivo di vernicianti pronti all'uso giornaliero non superiore a 20 kg 

Si applica il regime amministrativo della SCIA condizionata (art. 19-bis, comma 3, della Legge 241/1990), prevista quando l'attività oggetto di Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) sia appunto condizionata all'acquisizione di autorizzazioni o atti di assenso comunque denominati e non può essere avviata subito, bensì subordinatamente al rilascio delle autorizzazioni.

Occorre quindi che l'interessato provveda a inviare:

  1. la Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) per attività di autoriparatore, che sarà trasmessa immediatamente alla CCIIA a cura del SUEAP; 
  2. l'istanza in bollo per l'autorizzazione generale, o l'AUA in caso di più autorizzazioni.

Nella ricevuta rilasciata dal SUEAP al presentatore della SCIA sarà specificato che trattasi di SCIA condizionata e che il SUEAP procederà a comunicare il rilascio dell’autorizzazione.

Se varia il responsabile tecnico, mantenendo le stesse competenze, va comunicato solo alla CCIIA.

Se si aggiungono competenze nuove, va comunicato anche al SUEAP.

Resta ferma la facoltà di richiedere l'autorizzazione nell'ambito di AUA anche qualora si tratti di attività per le quali è possibile ottenere l'autorizzazione di carattere generale.  

L'attività non può essere iniziata fino al rilascio dell'autorizzazione o al decorso dei termini (45 giorni) per il silenzio assenso in caso di autorizzazione generale.

    

Aggiunta di attività nell'ambito della auto/motoriparazione (esempio: gommista esistente + carrozziere da avviare):

Si applica il regime amministrativo della SCIA unica oppure della SCIA condizionata, a seconda del tipo di attività che si intende aggiungere a quella già esistente.

Occorre che l'interessato provveda a inviare quanto dovuto (sempre a seconda del tipo di attività che si intende aggiungere) allo Sportello Unico per l'Edilizia e le Attività Produttive (SUEAP), in unico invio e in modalità on line, esclusivamente attraverso il Sistema Telematico di Accettazione Regionale (STAR).

Si utilizzino comunque il codice attività 45.20.01R e l'opzione Altri adempimenti tecnici, allegando come file firmati digitalmente:

  1. una descrizione sintetica che individui univocamente il tipo di attività che si intende aggiungere;
  2. la nomina del responsabile tecnico con dichiarazione del possesso dei relativi requisiti morali e professionali
  3. l'indicazione del rapporto di immedesimazione che intercorre tra il responsabile tecnico e la società: qualora lo stesso non sia un socio o un amministratore, deve necessariamente essere un dipendente.     

 

Subingresso in attività di autoriparatore

Si applica il regime amministrativo della comunicazione (art. 19-bis della Legge 241/1990), che produce effetto con la presentazione al SUEAP.

E' sufficiente una comunicazione da presentare allo Sportello Unico per l'Edilizia e le Attività Produttive (SUEAP) in modalità on line, sempre esclusivamente attraverso il Sistema Telematico di Accettazione Regionale (STAR) , utilizzando il codice attività 45.20.01R.

In caso di emissione di rumori superiore a quanto comunicato o autorizzato in precedenza, devono essere contestualmente presentate al SUEAP l'istanza in bollo e la documentazione per l'ottenimento dell'autorizzazione di impatto acustico, redatta da un tecnico competente in acustica, con l'indicazione delle misure previste per ridurre o eliminare le emissioni sonore.

 

Subingresso in attività che necessita di prevenzione incendi, come ad esempio:

  • officine riparazione veicoli a motore, rimorchi per autoveicoli e carrozzerie, di superficie coperta di più di 300 mq
  • officine meccaniche per lavorazioni a freddo con oltre 25 addetti

Si applica il regime amministrativo della comunicazione (art. 19-bis della Legge 241/1990), che produce effetto con la presentazione al SUEAP.

Occorrono quindi, separatamente compilate ma trasmesse in unico invio allo Sportello Unico per l'Edilizia e le Attività Produttive (SUEAP) in modalità on line, esclusivamente attraverso il Sistema Telematico di Accettazione Regionale (STAR), utilizzando il codice attività 45.20.01R:

  • la comunicazione per subingresso in attività di autoriparatore; 
  • la comunicazione per voltura della prevenzione incendi, che sarà trasmessa a cura del SUEAP ai Vigili del Fuoco. 

 

 

L'attività 45.40.3 "manutenzione e riparazione di motocicli e ciclomotori compresi i pneumatici" è stata ricondotta, sull'accettatore regionale STAR, al codice 45.20.01R "manutenzione e riparazione di autoveicoli" ai sensi dell'art. 1 Legge 122/92.

 

 

Costi e modalità di pagamento

A favore del Comune di Prato:

Vedi pagina Diritti di segreteria e istruttoria per le attività produttive e la polizia amministrativa.

inizio testo

Responsabile del Procedimento

Michela
Lilli
Telefono: 0574 1836926
inizio testo

Altre informazioni utili

inizio testo

Dove andare

 Sportello per l'edilizia e le attività produttive (Sueap)

Sede
Via Giotto
, 4
 - 59100
 Prato
 PO
Centralino0574 1836855
Fax: 0574 1837373 (edilizia)
0574 1837355 (impresa)
OrarioAttività produttive (commercio, artigianato, industria, turismo, polizia amministrativa):
- Informazioni allo sportello, presentandosi direttamente: mercoledì ore 9.00 - 13.00

- Assistenza telefonica, da rete fissa e solo per inoltro telematico delle pratiche tramite Portale Regionale: numero verde 800 737 601, lunedì e mercoledì ore 9.00 - 13.00; venerdì ore 9.00 - 11.00
- Assistenza telefonica, da linea mobile e per ogni altra richiesta: telefono 0574 1836855; lunedì e mercoledì ore 9.00 - 13.00; venerdì ore 9.00 - 11.00

Attività edilizie
- Informazioni allo sportello (escluso informazioni tecniche), presentandosi direttamente: lunedì 15.00 -17.00 e mercoledì 9.00 - 11.00
- Per i tavoli tecnici vedere dettaglio orari.

Numerazione civica (toponomastica)
- Informazioni allo sportello: giovedì ore 9.00 - 13.00 (presso la sede di Viale Vittorio Veneto n. 9, piano secondo)

Orario estivoChiuso dal 13 al 17 agosto compresi.
E-mail
E-mail: sportelloedilizia@comune.prato.it
 - attivitaeconomiche@comune.prato.it
Sito web
Note

infoedilizie@comune.prato.it (per informazioni sui servizi online di presentazione pratiche)

La sede del SUEAP ospita gli incontri dell'Organismo di Composizione della Crisi da sovraindebitamento.

 Guarda indirizzo sulla mappa (apre una nuova finestra)

 Camera di Commercio di Prato

Sede
Via del Romito
, 71
 - 59100
 Prato
 PO
Centralino0574 61261
OrarioDal lunedì al venerdì ore 8.30 - 12.30. Lunedì e giovedì anche 14.30 - 15.40.
Sabato chiuso.
Orario estivoChiuso il 14 agosto
PECprotocollo@po.legalmail.camcom.it
Sito web
 (sito esterno alla Rete Civica)
 Guarda indirizzo sulla mappa (apre una nuova finestra)
inizio testo

Funzionario antiritardo

Riccardo
Pecorario
Telefono: 0574 1836921
Data ultima revisione dei contenuti della pagina: 08.08.2018

Condividi su:



- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Prato è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it