Traduci la pagina con Google Translate:


Che cos'è

Al fine dello svolgimento delle attività di vigilanza e sorveglianza previste dal Regolamento (CE) n.1223/2009 sui prodotti cosmetici, il Decreto del Ministro della Salute 27 settembre 2018 descrive le procedure di controllo del mercato interno dei prodotti cosmetici, ivi incluse le attività connesse ai controlli dei prodotti stessi, degli operatori di settore e delle buone pratiche di fabbricazione e gli adempimenti e comunicazioni che gli operatori del settore sono tenuti ad espletare.

Il decreto contiene le disposizioni relative alle modalità di riportare le informazioni di cui all’articolo 19 del regolamento cosmetici per i cosmetici non preconfezionati o per i cosmetici confezionati dal venditore su richiesta dell’acquirente o preconfezionati in vista della loro vendita immediata, oltre che le indicazioni della lingua in cui devono essere scritte alcune specifiche informazioni per i prodotti venduti sul mercato italiano.

Come previsto dal decreto ministeriale, pubblicati inoltre:

  • il modello di comunicazione delle informazioni di sito di produzione dei cosmetici, corredato da indicazioni per la compilazione
  • una circolare esplicativa utile per la corretta individuazione delle operazioni di produzione.

 

inizio testo

Requisiti

A chi è rivolto

Il decreto si applica a chi produce in proprio o per conto terzi i prodotti cosmetici di cui all'art. 2, paragrafo 1, lettera a), del regolamento  (CE)  n. 1223/2009, ivi inclusa la produzione estemporanea e di piccoli volumi  qualora trattasi di messa a disposizione del prodotto, ai sensi dell'art. 2, paragrafo 1, lettera g), del regolamento (CE) n. 1223/2009.

Ai fini del decreto, per produzione di prodotti cosmetici si intende l'effettuazione di una o piu' fasi  di  fabbricazione  del prodotto  cosmetico, quale la  preparazione del semilavorato, la preparazione della miscela finale,  la ripartizione nel recipiente finale, il confezionamento nell'imballaggio secondario e l'etichettatura.  

Le fasi di lavorazione, trasformazione e ripartizione nel recipiente finale di semilavorati importati da Paesi  terzi, finalizzate alla produzione di prodotti cosmetici, rientrano nella attività di cui al decreto. 

 

inizio testo

Come si ottiene

Termini, scadenze, modalità di presentazione della domanda

Avvio dell'attività di produzione, in proprio o conto terzi, di cosmetici 

Occorre una Segnalazione  Certificata di Inizio Attività (SCIA) di cui all'art. 19 L. 241/1990, da presentare alla ASL competente  per territorio, per il tramite del SUAP del Comune competente per territorio, mediante il Sistema Telematico di Accettazione Regionale (STAR), utilizzando il codice attività 20.40R e l'endoprocedimento ASL 33 - IG SAN ​STABILIMENTO COSMETICI.

 

Ai fini dello svolgimento delle attività di vigilanza e sorveglianza, entro 30 giorni dall'inizio dell'attività di produzione di cosmetici. per ciascun sito di produzione coinvolto

Occorre inviare, mediante PEC, una comunicazione al Ministero della salute -  Direzione generale dei dispositivi medici e del servizio farmaceutico e alla Regione ove si trova il sito di produzione, utilizzando l'apposito modulo disponibile nella sezione Altre informazioni utili, contenente le seguenti informazioni:

a)  nome o ragione sociale, codice fiscale / partita IVA, indirizzo completo del sito di produzione, recapiti  completi di numero di telefono, eventuale fax, indirizzo PEC

b) elenco delle categorie di prodotti cosmetici oggetto della produzione, come definiti dall'art. 2, paragrafo 1, lettera a), del regolamento (CE) n. 1223/2009

c) indicazione delle attività svolte nel sito di produzione, ai sensi dell'art. 8 del decreto.

 

Costi e modalità di pagamento

A favore del Comune di Prato

Vedi pagina Diritti di segreteria e istruttoria per le attività produttive e la polizia amministrativa.

 

inizio testo

Responsabile del Procedimento

Riccardo
Pecorario
Telefono: 0574 1836921
inizio testo

Allegati e documenti

inizio testo

Altre informazioni utili

inizio testo

Dove andare

 Sportello per l'edilizia e le attività produttive (Sueap)

Sede
Via Giotto
, 4
 - 59100
 Prato
 PO
Centralino0574 1836855 (attivo il martedi dalle 9.00 - 13.00 e il venerdì dalle 9.00 - 11.00)
Telefono: Servizio di help desk della Rete Regionale dei Suap dedicato al solo supporto tecnico informatico per problemi nell'utilizzo del Sistema Telematico di Accettazione Regionale (STAR) delle pratiche:
- Numero verde 800 980102 (con orario 8.00-20.00 dal lunedì al sabato, escluso festivi), fax 055 0481460, email reteregionale-suap@regione.toscana.it

Assistenza telefonica da parte del SUEAP del Comune di Prato, per ogni altro problema amministrativo:
- Numero 0574 1836855, il martedì ore 9.00 - 13.00 e il venerdì ore 9.00 - 11.00
Fax: 0574 1837373 (edilizia)
0574 1837355 (impresa)
OrarioAttività produttive (commercio, artigianato, industria, turismo, polizia amministrativa):
- Informazioni allo sportello, presentandosi direttamente: mercoledì ore 9.00 - 13.00

Attività edilizie
- Informazioni allo sportello (escluso informazioni tecniche), presentandosi direttamente: lunedì 15.00 -17.00 e mercoledì 9.00 - 11.00
- Per i tavoli tecnici vedere dettaglio orari.

Numerazione civica (toponomastica)
- Informazioni allo sportello: giovedì ore 9.00 - 13.00 (presso la sede di Viale Vittorio Veneto n. 9, piano secondo)

E-mail
E-mail: sportelloedilizia@comune.prato.it
 - attivitaeconomiche@comune.prato.it
Sito web
Note

infoedilizie@comune.prato.it (per informazioni sui servizi online di presentazione pratiche)

La sede del SUEAP ospita gli incontri dell'Organismo di Composizione della Crisi da sovraindebitamento.

 Guarda indirizzo sulla mappa (apre una nuova finestra)
inizio testo

Funzionario antiritardo

Michela
Lilli
Telefono: 0574 1836926
Data ultima revisione dei contenuti della pagina: 12.12.2019

Condividi su:



- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Prato è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it