Comune di Prato


Traduci la pagina con Google Translate:


19.10.2017 - Vedi più oltre, nella sezione Altre informazioni utili, la nota dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli del 9.10.2017 sull’applicazione dell’art. 1, comma 178, della Legge 124/2017 in materia di esercizi di vendita di prodotti alcolici assoggettati ad accisa.

L’Agenzia comunica che non sono soggetti a denuncia ai sensi dell'art. 29, comma 2, del D.Lgs. 504/95:

- gli esercizi di vendita di liquori o bevande alcoliche di cui all’art.86 del Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, già
richiamati dall’art. 63, comma 5, del D.Lgs. 504/95 ovvero quelli annessi (es. alberghi, locande, pensioni, trattorie, osterie,
caffè ed esercizi similari);

- la vendita al dettaglio di alcolici in esercizi di vicinato, nelle medie o grandi strutture di vendita ovvero i negozi al minuto,
supermercati ed ipermercati;

- gli esercizi di somministrazione al pubblico di bevande alcoliche, per il consumo sul posto, ovvero i ristoranti, tavole calde, pizzerie, birrerie, bar, gelaterie, pasticcerie ed esercizi similari;

- gli esercizi operanti con carattere temporaneo nel corso di sagre,fiere, mostre e simili;

- la vendita al dettaglio di bevande alcoliche per mezzo di apparecchi automatici.

Per garantire uniformità di disciplina agli esercizi di vendita per i quali ricorrono le medesime condizioni giustificative, è da ritenersi  esclusa dall’obbligo di denuncia la somministrazione di bevande alcoliche nelle mense aziendali e negli spacci annessi ai circoli privati.

Visto il contenuto della nota dell’Agenzia delle Dogane, il Dipartimento della Funzione Pubblica ha proposto di:
-provvedere immediatamente ad espungere dal “quadro riepilogativo della documentazione allegata” relativo ai moduli per gli esercizi di vendita e per la somministrazione di alimenti e bevande approvati con gli accordi del 4 maggio e del 6 luglio il riferimento all’allegato relativo alla comunicazione per la vendita di alcolici, che deriva dalla abrogazione operata dalla legge sulla concorrenza;
-successivamente in occasione dei prossimi accordi sulla modulistica provvedere ad adeguare la modulistica approvata a livello nazionale.

In attesa dell’adeguamento della modulistica nazionale e di apposito decreto regionale, con l’aggiornamento di STAR programmato il 20.10.2017 per adempiere all’accordo del 6.7.2017 la Regione provvederà ad aggiornare anche le suddette attività, togliendo il riferimento all’allegato relativo alla comunicazione per la vendita di alcolici.

 

Che cos'è

Si tratta della vendita al minuto di alcolici, realizzata in esercizio di vicinato, media o grande struttura di vendita oppure in attività commerciale già avviata.

Ogni tipologia ha il suo proprio regime autorizzatorio (vedi oltre).

inizio testo

Come si ottiene

Termini, scadenze, modalità di presentazione della domanda

Per l'avvio di un'attività di vendita al minuto di alcolici in un esercizio di vicinato si applica il regime amministrativo della SCIA unica (art. 19-bis, comma 2, della Legge 241/1990), prevista qualora per lo svolgimento di un'attività soggetta a Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) siano necessarie altre SCIA o comunicazioni e notifiche. 

Occorrono quindi, separatamente compilate ma trasmesse in unico invio allo Sportello Unico per l'Edilizia e le Attività Produttive (SUEAP) in modalità on line, esclusivamente attraverso il Sistema Telematico di Accettazione Regionale (STAR), utilizzando il codice attività 47.100R :

- la Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) per l'esercizio di vicinato;  

- la comunicazione per la vendita al minuto di alcolici, che sarà trasmessa a cura del SUEAP alla Agenzia delle Dogane. 

Entro 60 giorni, qualora venga accertata la carenza dei requisiti e dei presupposti richiesti per lo svolgimento dell'attività, il Comune può vietare la prosecuzione dell'attività o richiedere all'interessato di conformarla alla normativa vigente.

 

Per l'avvio di un'attività di vendita al minuto di alcolici in una media struttura di vendita si applica il regime amministrativo della autorizzazione/silenzio assenso, cioè un provvedimento espresso del Comune oppure un provvedimento formatosi per silenzio-assenso con il decorso di 90 giorni dalla presentazione dell'istanza, più comunicazione ad Ente terzo.

Occorrono quindi, separatamente compilate ma trasmesse in unico invio allo Sportello Unico per l'Edilizia e le Attività Produttive (SUEAP), in modalità on line, esclusivamente attraverso il Sistema Telematico di Accettazione Regionale (STAR)

- l'istanza in bollo di autorizzazione per l'avvio della media struttura di vendita, utilizzando il codice attività 47.102R 

- la comunicazione per la vendita al minuto di alcolici, che il SUEAP trasmetterà all'Agenzia delle Dogane.

 

Per l'avvio di un'attività di vendita al minuto di alcolici in una grande struttura di vendita si applica il regime amministrativo della autorizzazione/silenzio assenso, cioè un provvedimento espresso del Comune oppure un provvedimento formatosi per silenzio-assenso con il decorso di 180 giorni dalla presentazione dell'istanza, più comunicazione ad Ente terzo.

Occorrono quindi, separatamente compilate ma trasmesse in unico invio allo Sportello Unico per l'Edilizia e le Attività Produttive (SUEAP), in modalità on line, esclusivamente attraverso il Sistema Telematico di Accettazione Regionale (STAR)

- l'istanza in bollo di autorizzazione per l'avvio della grande struttura di vendita, utilizzando il codice attività 47.104R 

- la comunicazione per la vendita al minuto di alcolici, che il SUEAP trasmetterà all'Agenzia delle Dogane.

 

In caso di attività commerciale già avviata, si applica il regime amministrativo della comunicazione (art. 19-bis della Legge 241/90), che produce effetto con la sola presentazione.

E' sufficiente una comunicazione da presentare all'Agenzia delle Dogane per il tramite dello Sportello Unico per l'Edilizia e le Attività Produttive (SUEAP) in modalità on line, sempre esclusivamente attraverso il Sistema Telematico di Accettazione Regionale (STAR), utilizzando il codice attività dell'attività in essere.

 

Costi e modalità di pagamento

A favore del Comune di Prato :

Diritti di Istruttoria e Segreteria SUEAP, sia per l'avvio della pratica sia per le successive integrazioni, da pagare tramite il sistema T-Serve, secondo le indicazioni riportate alla pagina Diritti di Segreteria per le Attività Produttive.

Se impossibilitati al pagamento tramite T-Serve, il versamento deve essere effettuato tramite bonifico bancario e/o c/c postale intestato alla Tesoreria Comunale, utilizzando i dati riportati alla sezione Pagamenti all'amministrazione.

A favore dell'Agenzia delle Dogane: 

Contattare direttamente l'Agenzia.

 

inizio testo

Note

Segnalazioni e precisazioni

Riferimenti normativi:

D.Lgs. 504/1995, articoli 29 e 63

L.R. Toscana 28/2005

D.G.R.T. 646/2017 e relativo Allegato A contenente i moduli unici regionali 

inizio testo

Responsabile e antiritardo

Responsabile del Procedimento

Michela
Lilli
Telefono: 0574 1836926

Funzionario antiritardo

Riccardo
Pecorario
Telefono: 0574 1836921
inizio testo

Altre informazioni utili

inizio testo

Dove andare

 Sportello per l'edilizia e le attività produttive (Sueap)

Sede
Via Giotto
, 4
 - 59100
 Prato
 PO
Centralino0574 1836855
Fax: 0574 1837373 (edilizia)
0574 1837355 (impresa)
OrarioAttività produttive (commercio, artigianato, industria, turismo, polizia amministrativa):
- Informazioni allo sportello, presentandosi direttamente: mercoledì ore 9.00 - 13.00

- Assistenza telefonica, da rete fissa e solo per inoltro telematico delle pratiche tramite Portale Regionale: numero verde 800 737 601, lunedì e mercoledì ore 9.00 - 13.00; venerdì ore 9.00 - 11.00
- Assistenza telefonica, da linea mobile e per ogni altra richiesta: telefono 0574 1836855; lunedì e mercoledì ore 9.00 - 13.00; venerdì ore 9.00 - 11.00

Attività edilizie
- Informazioni allo sportello (escluso informazioni tecniche), presentandosi direttamente: lunedì 15.00 -17.00 e mercoledì 9.00 - 11.00
- Per i tavoli tecnici vedere dettaglio orari.

Numerazione civica (toponomastica)
- Informazioni allo sportello: giovedì ore 9.00 - 13.00 (presso la sede di Viale Vittorio Veneto n. 9, piano secondo)

E-mail
E-mail: sportelloedilizia@comune.prato.it
 - attivitaeconomiche@comune.prato.it
Sito web
Note

infoedilizie@comune.prato.it (per informazioni sui servizi online di presentazione pratiche)

La sede del SUEAP ospita lo Sportello amianto ed è inoltre sede degli incontri dell'Organismo di Composizione della Crisi da sovraindebitamento.

 Guarda indirizzo sulla mappa (apre una nuova finestra)
inizio testo
Data ultima revisione dei contenuti della pagina: 19.10.2017

Condividi su:



- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Prato è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it