Traduci la pagina con Google Translate:


4.4.2019 -  NUOVA SCHEDA PUBBLICATA. 

Che cos'è

La compravendita di oro usato (anche "compro oro") risulta affine all'attività di vendita di oggetti preziosi per la comune necessità di una licenza del Questore con durata permanente, ma viene qui separatamente trattata per alcune aspetti specifici della normativa e delle procedure.

Con la riforma del settore, introdotta dal D.Lgs. 92/2017, l'autorizzazione di pubblica sicurezza rilasciata dal Questore ai sensi dell'art. 127 del T.U.L.P.S. è condizione necessaria ma non più sufficiente per l'avvio dell'attività di compro oro.

Infatti l'art. 3, comma 1, del citato D.Lgs. subordina il legittimo esercizio dell'attività di compro oro all'iscrizione degli operatori in un apposito registro informatico istituito presso l'Organismo Agenti e Mediatori (O.A.M.), la cui finalità è quella di rendere tempestivamente disponibili a tutte le autorità competenti i dati e le informazioni riguardanti ogni singolo operatore compro oro.

Il Decreto del Ministro Economia e Finanze 14/05/2018 ha individuato le “Modalità tecniche di invio dei dati e di alimentazione del registro degli operatori compro oro”.

Con circolare prot. 557/PAS/U/011572/12020(1) del 13/08/2018 il Ministero dell'Interno - Dipartimento della Pubblica Sicurezza ha dettagliato le modalità operative per l'iscrizione al registro degli operatori compro oro, evidenziando che l'esercizio di tale attività in assenza di iscrizione è abusivo e sottoposto alla sanzione penale della reclusione da sei mesi a quattro anni e con la multa da 2.000 a 10.000 euro”.

 

inizio testo

Requisiti

A chi è rivolto

Chi intende avviare ed esercitare l’attività di compro oro deve ottenere la licenza del Questore e poi iscriversi in un apposito registro istituito presso l’OAM (Organismo degli Agenti in attività creditizia e dei Mediatori creditizi).

E’ obbligatorio identificare ogni cliente, prima di eseguire le operazioni di compravendita, con le modalità previste dagli articoli 18 e 19 delle norme antiriciclaggio (D.Lgs. 231/2007).

Ai fini di una maggiore tracciabilità delle transazioni, e della univoca riconducibilità al disponente della somma, è stata abbassata da 1000 a 500 euro la soglia per l’utilizzo del contante; tale modalità di pagamento è obbligatoria anche per le operazioni frazionate.

Sempre ai fini di assicurare piena tracciabilità delle transazioni, gli operatori dei compro oro sono obbligati a dotarsi di un conto corrente dedicato alle transazioni finanziarie.

Per ogni operazione di compravendita deve essere compilata una scheda numerata progressivamente e recante i dati identificativi del cliente, la descrizione dell’oggetto prezioso corredata da due fotografie da diverse prospettive, l’importo della transazione e le modalità di pagamento. il giorno e l’ora in cui è avvenuta l’operazione, le quotazioni dell’oro. La compilazione della scheda sostituisce la tenuta del registro. Al cliente dovrà essere rilasciata ricevuta riepilogativa e resta fermo il divieto di alienare o alterare l’oggetto prezioso nei dieci giorni successivi.

In applicazione delle norme antiriciclaggio, l’operatore è obbligato a segnalare tempestivamente le operazioni sospette​ all’UIF (Unità di Informazione Finanziaria per l’Italia), istituita presso la Banca d’Italia.

 

Il D.Lgs. 92/2017 assoggetta all’obbligo di iscrizione al registro OAM l’operatore commerciale che, a prescindere dalla denominazione o dall’esercizio, in via eventualmente subvalente, dell’attività di compro oro rispetto ad altra attività commerciale o d’impresa, eserciti l’attività di compro oro ossia l’attività di compravendita ovvero permuta di oggetti preziosi usati. Devono pertanto ritenersi ricompresi nella categoria di compro oro,  tenuti all’iscrizione al registro OAM, anche gli operatori professionali in oro, titolari di gioiellerie, che, nella misura in cui intendano effettuare operazioni aventi ad oggetto la compravendita ovvero la permuta di oggetti preziosi usati, sono tenuti anch'essi all’iscrizione nel registro OAM. 

Pertanto, gli Operatori iscritti all’Albo tenuto dall’UIF presso la Banca d’Italia, sono stati ricompresi, per natura delle loro attività peculiari svolte, nella legge antiriciclaggio (Decreto Legislativo n° 231/07 modificato e integrato dal D.Lgs n° 90/2017) e, qualora svolgano e/o intendano svolgere anche l’attività di operatore compro oro, sono tenuti, altresì, al rispetto del decreto previsto per questi ultimi (D.Lgs n° 92/2017); di conseguenza, assoggettati simultaneamente a due discipline di contrasto al riciclaggio.

inizio testo

Come si ottiene

Termini, scadenze, modalità di presentazione della domanda

Avvio dell'attività di compro oro in un esercizio di vicinato

Si applica il regime amministrativo della SCIA condizionata (art. 19-bis, comma 3, della Legge 241/1990), prevista quando l'attività oggetto di Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) sia appunto condizionata all'acquisizione di autorizzazione o atti di assenso comunque denominati e non può essere avviata subito, bensì subordinatamente al rilascio delle autorizzazioni o degli atti di assenso.

Occorrono quindi, separatamente compilate ma trasmesse in unico invio allo Sportello Unico per l'Edilizia e le Attività Produttive (SUEAP), in modalità on line, esclusivamente tramite il Sistema Telematico di Accettazione Regionale (STAR): 

  • la Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) per l'avvio dell'esercizio di vicinato, utilizzando il codice attività 47.100R 
  • il modulo "com_1 - Dichiarazioni integrative alla Segnalazione Certificata di Inizio Attività per esercizi di vicinato motivate da regolamentazione locale", contenente le dichiarazioni ulteriori necessarie ai fini del rispetto dei requisiti fissati dal vigente "Regolamento per il commercio nella città di Prato: attività di vendita in sede fissa"
  • solo se l'attività ricade nel centro storico, il modulo "Autocertificazione per attività nel centro storico"
  • la richiesta di autorizzazione di pubblica sicurezza per attività di compro oro art. 127 T.U.L.P.S., che il SUEAP trasmetterà al Questore ai fini dell'acquisizione della licenza.

L'effettivo avvio dell'attività di vendita di oggetti preziosi è comunque condizionato:

  1. al rilascio da parte del Questore dell'autorizzazione di pubblica sicurezza  
  2. alla notifica dell'autorizzazione del Questore all'interessato a cura del SUEAP
  3. all'iscrizione dell'operatore compro oro nel registro OAM. 

 

Avvio dell'attività di compro oro in una media struttura di vendita

Si applica il regime amministrativo della autorizzazione/silenzio assenso, cioè provvedimenti espressi (del Comune e del Questore), senza i quali, decorsi 90 giorni, si forma il silenzio-assenso.

Occorrono quindi, separatamente compilate ma trasmesse in unico invio allo Sportello Unico per l'Edilizia e le Attività Produttive (SUEAP), in modalità on line, esclusivamente attraverso il Sistema Telematico di Accettazione Regionale (STAR): 

  • l'istanza in bollo di autorizzazione per l'avvio della media struttura di vendita, utilizzando il codice attività 47.102R 
  • il modulo "com-2 - Dichiarazioni integrative alla richiesta di autorizzazione per medie e grandi strutture di vendita motivate da regolamentazione locale" (vedi in Modulistica), contenente le dichiarazioni necessarie ai fini del rispetto dei requisiti fissati dal vigente "Regolamento per il commercio nella città di Prato: attività di vendita in sede fissa" (vedi in Segnalazioni e precisazioni) 
  • la richiesta di autorizzazione di pubblica sicurezza per attività di compro oro art. 127 T.U.L.P.S., che il SUEAP trasmetterà al Questore ai fini dell'acquisizione della licenza.

L'effettivo avvio dell'attività di vendita di oggetti preziosi è comunque subordinato:

  1. al rilascio da parte del Questore dell'autorizzazione di pubblica sicurezza  
  2. alla notifica dell'autorizzazione del Questore all'interessato a cura del SUEAP
  3. all'iscrizione dell'operatore compro oro nel registro OAM. 

 

Avvio dell'attività di compro oro in una grande struttura di vendita

Si applica il regime amministrativo della autorizzazione/silenzio assenso, cioè provvedimenti espressi (del Comune e del Questore), senza i quali, decorsi 90 giorni, si forma il silenzio-assenso.

Occorrono quindi, separatamente compilate ma trasmesse in unico invio allo Sportello Unico per l'Edilizia e le Attività Produttive (SUEAP), in modalità on line, esclusivamente attraverso il Sistema Telematico di Accettazione Regionale (STAR): 

  • l'istanza in bollo di autorizzazione per l'avvio della grande struttura di vendita, utilizzando il codice attività 47.104R 
  • il modulo "com-2 - Dichiarazioni integrative alla richiesta di autorizzazione per medie e grandi strutture di vendita motivate da regolamentazione locale" (vedi in Modulistica), contenente le dichiarazioni necessarie ai fini del rispetto dei requisiti fissati dal vigente "Regolamento per il commercio nella città di Prato: attività di vendita in sede fissa"
  • la richiesta di autorizzazione di pubblica sicurezza per attività di compro oro art. 127 T.U.L.P.S., che il SUEAP trasmetterà al Questore ai fini dell'acquisizione dell'autorizzazione di pubblica sicurezza.

L'effettivo avvio dell'attività di vendita di oggetti preziosi è comunque condizionato:

  1. al rilascio da parte del SUEAP dell'autorizzazione commerciale comunale 
  2. al rilascio da parte del Questore dell'autorizzazione di pubblica sicurezza  
  3. alla notifica dell'autorizzazione del Questore all'interessato a cura del SUEAP
  4. all'iscrizione dell'operatore compro oro nel registro OAM. 

 

Inizio dell'attività di compro oro all'interno di un'attività commerciale già esistente

Si applica il regime amministrativo della autorizzazione/silenzio assenso, cioè un provvedimento espresso del Questore, senza il quale, decorsi 90 giorni, si forma il silenzio-assenso.

L'interessato deve presentare la sola richiesta di autorizzazione di pubblica sicurezza art. 127 T.U.L.P.S., che il SUEAP trasmetterà al Questore ai fini dell'acquisizione della licenza di polizia.

In caso di attività commerciale già avviata, e quindi già autorizzata, il più delle volte non sarà necessaria l'acquisizione di ulteriori atti di assenso. 

L'effettivo avvio dell'attività di vendita di oggetti preziosi è comunque condizionato:

  1. al rilascio da parte del Questore dell'autorizzazione di pubblica sicurezza  
  2. alla notifica dell'autorizzazione del Questore all'interessato a cura del SUEAP
  3. all'iscrizione dell'operatore compro oro nel registro OAM. 

 

Costi e modalità di pagamento

A favore del Comune di Prato 

Vedi pagina Diritti di segreteria e istruttoria per le attività produttive e la polizia amministrativa.

A favore dello Stato 

  • Tassa di concessione governativa di Euro 270,00, da pagare sul c/c postale 8003 intestato a “Agenzia delle Entrate - Tasse e concessioni governative”  (non va pagata solo per chi ha una filiale e ne apre un'altra) 
  • n. 2 marche da bollo da € 16,00
inizio testo

Note

Segnalazioni e precisazioni

Normativa di riferimento:

  • art. 127 T.U.L.P.S.
  • Dlgs 231/2007 (norma come identificare le persone)
  • Decreto Legislativo 92/2017 (norma come compilare e conservare le schede)
  • Decreto del Ministro Economia e Finanze 14/05/2018 
  • Circolare Ministero Interno prot. 557/PAS/U/011572/12020(1) del 13/08/2018

• Chiarimenti in ordine alla vigenza del Decreto Legislativo 25 maggio 2017, n° 92 (compro oro) del Ministero dell’Economia e delle Finanze
• Direttive operative al D.Lgs n° 92/2017 del Comando Generale della Guardia di Finanza
• FAQ antiriciclaggio del Ministero dell’Economia e delle Finanze
• Nota del Ministero dell’Interno Prot. n° 557/PAS/U/017459/12020(1)
• Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 14 maggio 2018

inizio testo

Responsabile del Procedimento

Michela
Lilli
Telefono: 0574 1836926
inizio testo

Allegati e documenti

inizio testo

Altre informazioni utili

inizio testo

Dove andare

 Sportello per l'edilizia e le attività produttive (Sueap)

Sede
Via Giotto
, 4
 - 59100
 Prato
 PO
Centralino0574 1836855 (attivo il martedi dalle 9.00 - 13.00 e il venerdì dalle 9.00 - 11.00)
Telefono: Servizio di help desk della Rete Regionale dei Suap dedicato al solo supporto tecnico informatico per problemi nell'utilizzo del Sistema Telematico di Accettazione Regionale (STAR) delle pratiche:
- Numero verde 800 980102 (con orario 8.00-20.00 dal lunedì al sabato, escluso festivi), fax 055 0481460, email reteregionale-suap@regione.toscana.it

Assistenza telefonica da parte del SUEAP del Comune di Prato, per ogni altro problema amministrativo:
- Numero 0574 1836855, il martedì ore 9.00 - 13.00 e il venerdì ore 9.00 - 11.00
Fax: 0574 1837373 (edilizia)
0574 1837355 (impresa)
OrarioAttività produttive (commercio, artigianato, industria, turismo, polizia amministrativa):
- Informazioni allo sportello, presentandosi direttamente: mercoledì ore 9.00 - 13.00

Attività edilizie
- Informazioni allo sportello (escluso informazioni tecniche), presentandosi direttamente: lunedì 15.00 -17.00 e mercoledì 9.00 - 11.00
- Per i tavoli tecnici vedere dettaglio orari.

Numerazione civica (toponomastica)
- Informazioni allo sportello: giovedì ore 9.00 - 13.00 (presso la sede di Viale Vittorio Veneto n. 9, piano secondo)

E-mail
E-mail: sportelloedilizia@comune.prato.it
 - attivitaeconomiche@comune.prato.it
Sito web
Note

infoedilizie@comune.prato.it (per informazioni sui servizi online di presentazione pratiche)

La sede del SUEAP ospita gli incontri dell'Organismo di Composizione della Crisi da sovraindebitamento.

 Guarda indirizzo sulla mappa (apre una nuova finestra)

 Polizia di Stato (Questura)

Sede
Via Migliore Di Cino
, 10
 - 59100
 Prato
 PO
Centralino0574 5555
Telefono: Pronto intervento: 112, 113
OrarioUfficio Relazioni con il Pubblico (URP)
- dal lunedì al sabato 8.30 - 13.30

Ufficio passaporti
- martedì e venerdì 8.30 - 11.30
- giovedì 8.30 - 11.30 e 15.00 - 17.00
- lunedì 8.30 - 11.30 solo su appuntamento, da prenotare sul sito www.passaportonline.poliziadistato.it

Ufficio Immigrazione
- da lunedì a venerdì 8.30 - 12.30 acquisizione pratiche
- lunedì, martedì, mercoledì e giovedì 14.30 - 16.30 consegna permessi di soggiorno
- chiuso al pubblico i pomeriggi di venerdì e nei giorni prefestivi

Ufficio Licenze
- martedì e giovedì 8.30 - 12.30

Ufficio Armi
- lunedì, mercoledì e venerdì 8.30 - 11.30

Ufficio Cessione Fabbricati
- dal lunedì al venerdì 9.00 - 13.00
Orari particolari in occasione delle festivitàLo sportello dell'ufficio immigrazione rimarrà chiuso, in occasione delle festività, dal 24 dicembre 2018 al 02 gennaio 2019 compresi.
PECurp.quest.po@pecps.poliziadistato.it
Sito web
 (sito esterno alla Rete Civica)
 Guarda indirizzo sulla mappa (apre una nuova finestra)
inizio testo

Funzionario antiritardo

Riccardo
Pecorario
Telefono: 0574 1836921
Data ultima revisione dei contenuti della pagina: 23.04.2019

Condividi su:



- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Prato è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it