Traduci la pagina con Google Translate:


25.11.2019 - SCHEDA IN AGGIORNAMENTO alla L.R. 62 del 23.11.2018 "Codice del Commercio. Testo Unico in materia di commercio in sede fissa e su aree pubbliche, somministrazione di alimenti e bevande, vendita di stampa quotidiana e periodica, distribuzione di carburanti e attività fieristico-espositiva". 

Fino all'entrata in vigore del nuovo Regolamento attuativo, continua ad applicarsi, relativamente alle parti compatibili, il Regolamento di attuazione della L.R. 28/2005, emanato con D.P.G.R. 15/R/2009.

Che cos'è

Sono soggette ad autorizzazione (articolo 66, comma 3, della Legge Regionale 64/2018), da rilasciarsi secondo quanto stabilito all'articolo 64, le seguenti modifiche:

a) l'aggiunta di altri carburanti in impianti esistenti, compresa la nuova installazione di punti di ricarica elettrica in impianto di distribuzione carburanti già esistente;

b) la ristrutturazione totale di un impianto sulla stessa area, da intendersi come il completo rifacimento dell'impianto, consistente nella sostituzione o nel riposizionamento di tutte le attrezzature petrolifere, effettuato anche in momenti successivi nell'arco di 3 anni.

 

inizio testo

Requisiti

A chi è rivolto

SEZIONE DA AGGIORNARE

 

Nella domanda di autorizzazione per le modifiche all’impianto, di cui all’articolo 57, comma 3, del Codice, il soggetto interessato dichiara:

a) i dati anagrafici;

b) il possesso dei requisiti di cui all’articolo 13 del Codice;

c) gli estremi dell’autorizzazione di cui è titolare;

d) le caratteristiche dell’impianto;

e) la descrizione della modifica o delle modifiche da apportare all’impianto.

inizio testo

Come si ottiene

Termini, scadenze, modalità di presentazione della domanda

SEZIONE DA AGGIORNARE

 

Modifiche impianto esistente che necessitano di autorizzazione da parte dell’Amministrazione Comunale (art. 57 comma 3 L.R. 28/05):
l’Amministrazione comunale è tenuta a pronunciarsi entro 90 giorni dalla data di protocollo dell’istanza (esclusi i tempi di interruzione del procedimento per eventuali richieste di integrazione). Se entro tale tempistica il Comune di Prato non ha inoltrato al richiedente alcun pronunciamento, vale il silenzio-assenso.


Gli endo-procedimenti sono i seguenti:
- ottenimento parere ARPAT (parere ambientale);
- ottenimento parere USL (parere sanitario-edilizio);
- ottenimento parere Vigili del Fuoco (parere sicurezza antincendio);
- inoltro pratica Agenzia delle Dogane per verifica prescrizioni fiscali;


Qualora sia necessaria la richiesta del Permesso di Costruire, il Comune lo rilascia contestualmente all’autorizzazione petrolifera, e in fase di inoltro dell’istanza il richiedente deve presentare anche tutta la documentazione necessaria all’ottenimento dello stesso, tenendo anche degli eventuali vincoli presenti nel sito prescelto.


Se invece è sufficiente la presentazione di una DIAE, in fase di inoltro dell’istanza il richiedente deve presentare anche tutta la documentazione necessaria, tenendo anche degli eventuali vincoli presenti nel sito prescelto. L’autorizzazione petrolifera può essere rilasciata solo successivamente all’efficacia della DIAE.


L’autorizzazione contiene il termine entro il quale l’impianto è posto in esercizio (in caso di ristrutturazione totale dell’impianto) o sono poste in esercizio le parti dell’impianto di cui si richiede la modifica.


Le parti dell’impianto di cui è richiesta l’autorizzazione non possono essere poste in esercizio prima dell’effettuazione del collaudo che deve essere richiesto dall’interessato al Comune di Prato, e la procedura dello stesso è regolata dall’art.9 comma 1 del D.P.R. 447 del 20/10/1998 modificato con D.P.R. 7/12/2000 n°440 (procedura di autocollaudo).
Il collaudo è effettuato entro 60 giorni dal ricevimento della richiesta. In attesa dello stesso, il titolare dell’autorizzazione può richiedere l’esercizio provvisorio, previa presentazione al Comune di idonea documentazione attestante la conformità dei lavori al progetto e alle rispettive norme che li disciplinano; entro e non oltre 60 giorni dalla data di autorizzazione all’esercizio provvisorio il Comune è tenuto ad effettuare il Collaudo.

Documenti da presentare

SEZIONE DA AGGIORNARE

 

Modifiche impianto esistente che necessitano di autorizzazione da parte dell’Amministrazione Comunale (art.57 comma 3 L.R. 28/05):

 

  • istanza da presentare con la modulistica predisposta dal Comune di Prato;
  • planimetria in scala non superiore a 1:100 firmata da un tecnico abilitato nella quale siano riportati: la destinazione d’uso di tutti i locali presenti (anche accessori), le superfici impermeabili e quelle permeabili con le relative pendenze, lo schema di smaltimento delle acque di scarico (comprese quelle meteoriche) con i sistemi di trattamento e il recapito finale, il posizionamento dei pulsanti di emergenza, dell’illuminazione di sicurezza e della segnaletica e cartellonistica di sicurezza;
  • relazione tecnica descrittiva timbrata e redatta da un tecnico abilitato in cui siamo riportate anche le modalità di approvvigionamento idrico (pozzo, acquedotto, ecc.) e la quantificazione del personale impiegato nell’attività diviso per sesso e mansioni;
  • perizia giurata redatta dal tecnico progettista competente attestante il rispetto delle prescrizioni urbanistiche, di quelle fiscali, di quelle concernenti la sicurezza ambientale, sanitaria e stradale, tutela dei beni storici e urbanistici, ai sensi dell’art.1 comma 3 del D.Lgs 32/98;
  • autocertificazione corredata dalla documentazione prescritta dalla legge ai sensi dell’art.1 comma 3 del D.Lgs 32/98;
  • schema di piping, impianto meccanico di distribuzione carburanti, compreso i sistemi di recupero vapori;
  • valutazione di impatto acustico
  • progetto dell’impianto elettrico, nonché della relazione tecnica indicante: le modalità di protezione contro i contatti diretti e indiretti, contro le sovracorrenti, le tipologie di apparecchiature installate, le condutture elettriche, l’impianto di terra, l’impianto di protezione contro le scariche atmosferiche (se previsto) e le misure di sicurezza adottate contro l’accumulo delle scariche elettrostatiche;
  • piante e sezioni dell’impianto di distribuzione carburanti con indicazione delle zone a rischio di esplosione (anche in ottemperanza, ove applicabile, di quanto richiesta dal titolo VIII bis del D.Lgs 626/94), l’ubicazione e classificazione delle sorgenti di emissione (L. n°186 del 1/3/1968);
  • documento di identità del/dei richiedente/i;
  • documento di identità del tecnico abilitato.


L’istanza deve inoltre essere completata della seguente documentazione da allegare alla richiesta di autorizzazione petrolifera:

  • richiesta di esame progetto da presentare ai vigili del fuoco completa di relativa modulistica;
  • richiesta di permesso di costruire - completa di relativa modulistica - da presentare allo sportello.


Qualora il sito prescelto per il nuovo distributore carburanti sia in corrispondenza di una strada Provinciale, deve essere presentata anche la richiesta di parere preventivo alla Provincia di Prato (che può essere acquisito anche preliminarmente e presentato al momento dell’inoltro dell’istanza)

  • schema di piping, impianto meccanico di distribuzione carburanti, compreso i sistemi di recupero vapori;
  • progetto dell’impianto elettrico, nonché della relazione tecnica indicante: le modalità di protezione contro i contatti diretti e indiretti, contro le sovracorrenti, le tipologie di apparecchiature installate, le condutture elettriche, l’impianto di terra, l’impianto di protezione contro le scariche atmosferiche (se previsto) e le misure di sicurezza adottate contro l’accumulo delle scariche elettrostatiche;
  • piante e sezioni dell’impianto di distribuzione carburanti con indicazione delle zone a rischio di esplosione (anche in ottemperanza, ove applicabile, di quanto richiesta dal titolo VIII bis del D.Lgs 626/94), l’ubicazione e classificazione delle sorgenti di emissione (L. n°186 del 1/3/1968);
  • documento di identità del/dei richiedente/i;
  • documento di identità del tecnico abilitato.


L’istanza deve inoltre essere completata della seguente documentazione da allegare alla richiesta di autorizzazione petrolifera:

  • richiesta di esame progetto da presentare ai vigili del fuoco completa di relativa modulistica;
  • richiesta di permesso di costruire o presentazione di Scia edilizia (a seconda della tipologia dell’intervento) con allegata la relativa modulistica, da presentare allo sportello.

Costi e modalità di pagamento

SEZIONE DA COMPILARE

inizio testo

Note

inizio testo

Responsabile del Procedimento

Michela
Lilli
Telefono: 0574 1836926
inizio testo

Dove andare

 Sportello per l'edilizia e le attività produttive (Sueap)

Sede
Via Giotto
, 4
 - 59100
 Prato
 PO
Centralino0574 1836855 (attivo il martedi dalle 9.00 - 13.00 e il venerdì dalle 9.00 - 11.00)
Telefono: Servizio di help desk della Rete Regionale dei Suap dedicato al solo supporto tecnico informatico per problemi nell'utilizzo del Sistema Telematico di Accettazione Regionale (STAR) delle pratiche:
- Numero verde 800 980102 (con orario 8.00-20.00 dal lunedì al sabato, escluso festivi), fax 055 0481460, email reteregionale-suap@regione.toscana.it

Assistenza telefonica da parte del SUEAP del Comune di Prato, per ogni altro problema amministrativo:
- Numero 0574 1836855, il martedì ore 9.00 - 13.00 e il venerdì ore 9.00 - 11.00
Fax: 0574 1837373 (edilizia)
0574 1837355 (impresa)
OrarioAttività produttive (commercio, artigianato, industria, turismo, polizia amministrativa):
- Informazioni allo sportello, presentandosi direttamente: mercoledì ore 9.00 - 13.00

Attività edilizie
- Informazioni allo sportello (escluso informazioni tecniche), presentandosi direttamente: lunedì 15.00 -17.00 e mercoledì 9.00 - 11.00
- Per i tavoli tecnici vedere dettaglio orari.

Numerazione civica (toponomastica)
- Informazioni allo sportello: giovedì ore 9.00 - 13.00 (presso la sede di Viale Vittorio Veneto n. 9, piano secondo)

E-mail
E-mail: sportelloedilizia@comune.prato.it
 - attivitaeconomiche@comune.prato.it
Sito web
Note

infoedilizie@comune.prato.it (per informazioni sui servizi online di presentazione pratiche)

La sede del SUEAP ospita gli incontri dell'Organismo di Composizione della Crisi da sovraindebitamento.

 Guarda indirizzo sulla mappa (apre una nuova finestra)

 Agenzia delle Dogane

Sede
Via di Gonfienti
, 5/B
 (Zona Interporto)
 - 59100
 Prato
 PO
Centralino055 7366799
Telefono: 055 7366761 - 055 7366799 (Ufficio relazioni con il pubblico)
055 7366791 (segreteria)
Fax: 055 7366826
OrarioUfficio Relazioni con il Pubblico: apertura al pubblico per informazioni
Da Lunedì a venerdì ore 9.00 - 13.00 e su appuntamento 15.00 - 17.00.

Segreteria
Da lunedì a venerdì ore 8.00 - 18.00.
E-mail
E-mail: dogane.pratopistoia@adm.gov.it
 - dogane.pratopistoia.urp@adm.gov.it
PECdogane.prato@pec.adm.gov.it
Sito web
 (sito esterno alla Rete Civica)
Note

Direttore

Rosita D’amore (interim)

 Guarda indirizzo sulla mappa (apre una nuova finestra)
inizio testo

Funzionario antiritardo

Riccardo
Pecorario
Telefono: 0574 1836921
Data ultima revisione dei contenuti della pagina: 02.12.2019

Condividi su:



- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Prato è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it