salta la barra Comune di Prato » Come fare per... » Economia, impresa e commercio » Attività commerciali » Vendita prodotti specifici » Casistiche relative alla vendita di specifici prodotti
Comune di Prato

Traduci la pagina con Google Translate:


Che cos'è

Sono considerati oggetti preziosi quelli costituiti, in tutto o in parte, da metalli preziosi (ai sensi D.Lgs. 251/1999 e D.P.R.150/2002, oro, argento, platino e palladio), coralli e perle di ogni tipo, anche venduti sciolti, e da pietre preziose (diamanti, rubini, zaffiri, smeraldi, anche venduti sciolti, ed ogni altra pietra che sia unita a metalli preziosi).

L'attività di vendita di oggetti preziosi può essere iniziata contestualmente all'avvio di un nuovo esercizio di commercio fisso oppure in un esercizio di commercio fisso già esistente.

In entrambi i casi occorre acquisire, esclusivamente tramite lo Sportello Unico per l'Edilizia e le Attività Produttive (SUEAP), una specifica autorizzazione di pubblica sicurezza da parte del Questore, che può imporre prescrizioni (art. 9 TULPS), esercitare controlli (art.16 TULPS) ed emanare eventuali provvedimenti inibitori (sospensione o revoca dell’autorizzazione).

L’autorizzazione (art. 127 TULPS) ha validità sul territorio nazionale e carattere permanente (art.11 Regolamento attuativo TULPS).

E’ possibile aprire succursali di vendita di oggetti preziosi in un diverso ambito provinciale allegando copia della licenza rilasciata per la sede principale. Tale copia (art. 245 Regolamento attuativo TULPS) dovrà essere vistata dal Questore della giurisdizione in cui si trova la succursale medesima, il quale provvederà alla verifica dei requisiti di legge in capo al rappresentante e ai locali in questione.

 

Affine a questa materia, ma separatamente trattata per alcune peculiarità normative e procedurali, è la compravendita di oro usato, comunemente nota come attività di compro oro, alla cui scheda si rinvia.  

 

inizio testo

Requisiti

A chi è rivolto

Devono essere in possesso della licenza del Questore coloro che commerciano, fabbricano o fanno intermediazione di oggetti preziosi, compresi i titolari di attività di compro oro.

La licenza è obbligatoria anche per i commercianti e fabbricanti stranieri che intendono fare commercio di oggetti preziosi da essi importati in Italia, nonché ai loro agenti, rappresentanti, commessi viaggiatori e piazzisti.

inizio testo

Come si ottiene

Termini, scadenze, modalità di presentazione della domanda

Avvio dell'attività di vendita di oggetti preziosi in un esercizio di vicinato

Si applica il regime amministrativo della SCIA condizionata (art. 19-bis, comma 3, della Legge 241/1990), prevista quando l'attività oggetto di Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) sia appunto condizionata all'acquisizione di autorizzazione o atti di assenso comunque denominati e non può essere avviata subito, bensì subordinatamente al rilascio delle autorizzazioni o degli atti di assenso.

Occorrono quindi, separatamente compilati ma trasmesse in unico invio allo Sportello Unico per l'Edilizia e le Attività Produttive (SUEAP), in modalità on line, esclusivamente tramite il Sistema Telematico di Accettazione Regionale (STAR), utilizzando il codice attività 47.100R :

  • la Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) per l'avvio dell'esercizio di vicinato
  • il modulo "com_1 - Dichiarazioni integrative alla Segnalazione Certificata di Inizio Attività per esercizi di vicinato motivate da regolamentazione locale" (vedi in Modulistica), contenente le dichiarazioni ulteriori necessarie ai fini del rispetto dei requisiti fissati dal vigente "Regolamento per il commercio nella città di Prato: attività di vendita in sede fissa" (vedi in Segnalazioni e precisazioni);
  • solo se l'attività ricade nel centro storico, il modulo "Autocertificazione per attività nel centro storico" (vedi in Modulistica).
  • l'endoprocedimento PS4 allegando la richiesta in bollo di autorizzazione di pubblica sicurezza per attività in materia di oggetti preziosi art. 127 TULPS (vedi in Modulistica), che il SUEAP trasmetterà al Questore ai fini dell'acquisizione dell'autorizzazione di polizia.

L'effettivo avvio dell'attività di vendita di oggetti preziosi è subordinato al rilascio della autorizzazione di polizia e al parere finale della conferenza di servizi (convocata dal Comune in modalità asincrona per l'esame contestuale dei presupposti di legge inerenti l'attività), di cui il SUEAP dà notizia all'interessato. 

 

Avvio dell'attività di vendita di oggetti preziosi in una media struttura di vendita

Si applica il regime amministrativo della autorizzazione/silenzio assenso, cioè provvedimenti espressi (del Comune e del Questore), senza i quali, decorsi 60 giorni, si forma il silenzio-assenso.

Occorrono quindi, separatamente compilati ma trasmessi in unico invio allo Sportello Unico per l'Edilizia e le Attività Produttive (SUEAP), in modalità on line, esclusivamente attraverso il Sistema Telematico di Accettazione Regionale (STAR), utilizzando il codice attività 47.102R :

  • l'istanza di autorizzazione per l'avvio della media struttura di vendita
  • il modulo "com-2 - Dichiarazioni integrative alla richiesta di autorizzazione per medie e grandi strutture di vendita motivate da regolamentazione locale" (vedi in Modulistica), contenente le dichiarazioni necessarie ai fini del rispetto dei requisiti fissati dal vigente "Regolamento per il commercio nella città di Prato: attività di vendita in sede fissa" (vedi in Segnalazioni e precisazioni
  • l'endoprocedimento PS4 allegando la richiesta in bollo di autorizzazione di pubblica sicurezza per attività in materia di oggetti preziosi art. 127 TULPS (vedi in Modulistica), che il SUEAP trasmetterà al Questore ai fini dell'acquisizione dell'autorizzazione di polizia.

L'effettivo avvio dell'attività di vendita di oggetti preziosi è subordinato al rilascio di entrambe le autorizzazioni e al parere finale della conferenza di servizi (convocata dal Comune in modalità asincrona per l'esame contestuale dei presupposti di legge inerenti l'attività), di cui il SUEAP dà notizia all'interessato. 

 

Avvio dell'attività di vendita di oggetti preziosi in una grande struttura di vendita

Si applica il regime amministrativo della autorizzazione/silenzio assenso, cioè provvedimenti espressi (del Comune e del Questore), senza i quali, decorsi 60 giorni, si forma il silenzio-assenso.

Occorrono quindi, separatamente compilati ma trasmessi in unico invio allo Sportello Unico per l'Edilizia e le Attività Produttive (SUEAP), in modalità on line, esclusivamente attraverso il Sistema Telematico di Accettazione Regionale (STAR), utilizzando il codice attività 47.104R :

  • l'istanza di autorizzazione per l'avvio della grande struttura di vendita
  • il modulo "com-2 - Dichiarazioni integrative alla richiesta di autorizzazione per medie e grandi strutture di vendita motivate da regolamentazione locale" (vedi in Modulistica), contenente le dichiarazioni necessarie ai fini del rispetto dei requisiti fissati dal vigente "Regolamento per il commercio nella città di Prato: attività di vendita in sede fissa" (vedi in Segnalazioni e precisazioni); 
  • l'endoprocedimento PS4 allegando la richiesta in bollo di autorizzazione di pubblica sicurezza per attività in materia di oggetti preziosi art. 127 TULPS (vedi in Modulistica), che il SUEAP trasmetterà al Questore ai fini dell'acquisizione dell'autorizzazione di polizia.

L'effettivo avvio dell'attività di vendita di oggetti preziosi è subordinato al rilascio di entrambe le autorizzazioni e al parere finale della conferenza di servizi (convocata dal Comune in modalità asincrona per l'esame contestuale dei presupposti di legge inerenti l'attività), di cui il SUEAP dà notizia all'interessato. 

 

Inizio dell'attività di vendita di oggetti preziosi all'interno di un'attività commerciale già esistente

Si applica il regime amministrativo della autorizzazione/silenzio assenso, cioè un provvedimento espresso del Questore, senza il quale, decorsi 60 giorni, si forma il silenzio-assenso.

L'interessato deve presentare allo Sportello Unico per l'Edilizia e le Attività Produttive (SUEAP), in modalità on line, tramite il Sistema Telematico di Accettazione Regionale (STAR), utilizzando il codice attività appropriato (47.100R o 47.102R  o 47.104R) e attivando l'endoprocedimento PS4, la richiesta in bollo di autorizzazione di pubblica sicurezza per attività in materia di oggetti preziosi art. 127 TULPS (vedi in Modulistica), che il SUEAP trasmetterà al Questore ai fini dell'acquisizione dell'autorizzazione di polizia.

Trattandosi di attività commerciale già avviata e quindi già autorizzata, se non necessaria l'acquisizione di ulteriori atti di assenso (ad esempio per l'insegna di esercizio) tramite conferenza di servizi, il SUAEP comunica direttamente all'interessato l'avvenuto rilascio da parte del Questore dell'autorizzazione di pubblica sicurezza. 

L'attività di vendita di oggetti preziosi non può essere iniziata prima del rilascio dell'autorizzazione di pubblica sicurezza o del decorso del termine per il silenzio-assenso.

 

Documenti da presentare

Principali documenti necessari ai fini del rilascio della autorizzazione di pubblica sicurezza (art. 127 TULPS):

  • copia della ricevuta attestante l'avvenuto pagamento della tassa di concessione governativa
  • dichiarazione sostitutiva in cui l'interessato dichiara di essere iscritto nel ruolo degli agenti di affari in mediazione
  • dichiarazione sostitutiva in cui l'interessato attesta la propria qualità di commesso viaggiatore o piazzista ovvero dichiara di essere iscritto nel ruolo per gli agenti e rappresentanti di commercio
  • dichiarazione sostitutiva in cui l'interessato dichiara di essere titolare di impresa individuale o legale rappresentante di società indicando,altresì, tutti gli elementi necessari per l'individuazione dell'impresa individuale o della società
  • dichiarazione ddi consenso del rappresentante in cui lo stesso dichiara, altresì, di non trovarsi nelle condizioni ostative previste dagli articoli 11,12 e 131 del T.U.L.P.S.
  • dichiarazione sostitutiva in cui l'interessato dichiara la disponibilità dei locali in cui verrà svolta l'attività.

Riferirsi comunque alla scheda esplicativa del Ministero Interno (vedi sezione Altre informazioni utili) e alla pagina specifica della Questura di Prato sulla documentazione da produrre (vedi sezione Allegati e documenti). 

 

Costi e modalità di pagamento

A favore del Comune di Prato 

Vedi pagina Diritti di segreteria e istruttoria per le attività produttive e la polizia amministrativa.

 

A favore della Questura di Prato

  • Tassa di concessione governativa di Euro 270,00, da pagare sul c/c postale 8003 intestato a “Agenzia delle Entrate - Tasse e concessioni governative”  (non va pagata solo per chi ha una filiale e ne apre un'altra) 
  • n. 2 marche da bollo da € 16,00

 

 

inizio testo

Note

Segnalazioni e precisazioni

Riferimenti normativi:

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza (TULPS), R.D. 773/1930, articoli 9, 16, 127 e 128

Regolamento di attuazione del TULPS, R.D. 635/1940, articoli 11, 245 e 247

D.Lgs. 251/1999

D.P.R. 150/2002

D.G.R.T. 646/2017 e relativo Allegato A contenente i moduli unici regionali  

inizio testo

Responsabile del Procedimento

Michela
Lilli
Telefono: 0574 1836926
inizio testo

Allegati e documenti

inizio testo

Altre informazioni utili

inizio testo

Dove andare

 Sportello per l'edilizia e le attività produttive (Sueap)

Sede
Via Giotto
, 4
 - 59100
 Prato
 PO
Centralino0574 1836855 (attivo il martedi dalle 9.00 - 13.00 e il venerdì dalle 9.00 - 11.00)
Telefono: Servizio di help desk della Rete Regionale dei Suap dedicato al solo supporto tecnico informatico per problemi nell'utilizzo del Sistema Telematico di Accettazione Regionale (STAR) delle pratiche:
- Numero verde 800 980102 (con orario 8.00-20.00 dal lunedì al sabato, escluso festivi), fax 055 0481460, email reteregionale-suap@regione.toscana.it

Assistenza telefonica da parte del SUEAP del Comune di Prato, per ogni altro problema amministrativo:
- Numero 0574 1836855, il martedì ore 9.00 - 13.00 e il venerdì ore 9.00 - 11.00
Fax: 0574 1837373 (edilizia)
0574 1837355 (impresa)
OrarioAttività produttive (commercio, artigianato, industria, turismo, polizia amministrativa):
- Informazioni allo sportello, presentandosi direttamente: mercoledì ore 9.00 - 13.00

Attività edilizie
- Informazioni allo sportello (escluso informazioni tecniche), presentandosi direttamente: lunedì 15.00 -17.00 e mercoledì 9.00 - 11.00
- Per i tavoli tecnici vedere dettaglio orari.

Numerazione civica (toponomastica)
- Informazioni allo sportello: giovedì ore 9.00 - 13.00 (presso la sede di Viale Vittorio Veneto n. 9, piano secondo)

E-mail
E-mail: sportelloedilizia@comune.prato.it
 - attivitaeconomiche@comune.prato.it
Sito web
Note

infoedilizie@comune.prato.it (per informazioni sui servizi online di presentazione pratiche)

La sede del SUEAP ospita gli incontri dell'Organismo di Composizione della Crisi da sovraindebitamento.

 Guarda indirizzo sulla mappa (apre una nuova finestra)

 Polizia di Stato (Questura)

Sede
Via Migliore Di Cino
, 10
 - 59100
 Prato
 PO
Centralino0574 5555
Telefono: Pronto intervento: 112, 113
OrarioUfficio Relazioni con il Pubblico (URP)
- dal lunedì al sabato 8.30 - 13.30

Ufficio passaporti
- martedì e venerdì 8.30 - 11.30
- giovedì 8.30 - 11.30 e 15.00 - 17.00
- lunedì 8.30 - 11.30 solo su appuntamento, da prenotare sul sito www.passaportonline.poliziadistato.it

Ufficio Immigrazione
- da lunedì a venerdì 8.30 - 12.30 acquisizione pratiche
- lunedì, martedì, mercoledì e giovedì 14.30 - 16.30 consegna permessi di soggiorno
- chiuso al pubblico i pomeriggi di venerdì e nei giorni prefestivi

Ufficio Licenze
- martedì e giovedì 8.30 - 12.30

Ufficio Armi
- lunedì, mercoledì e venerdì 8.30 - 11.30

Ufficio Cessione Fabbricati
- dal lunedì al venerdì 9.00 - 13.00
Orari particolari in occasione delle festivitàLo sportello dell'ufficio immigrazione rimarrà chiuso, in occasione delle festività, dal 24 dicembre 2018 al 02 gennaio 2019 compresi.
PECurp.quest.po@pecps.poliziadistato.it
Sito web
 (sito esterno alla Rete Civica)
 Guarda indirizzo sulla mappa (apre una nuova finestra)
inizio testo

Funzionario antiritardo

Riccardo
Pecorario
Telefono: 0574 1836921
Data ultima revisione dei contenuti della pagina: 15.04.2019

Condividi su:



- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Prato è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it