Traduci la pagina con Google Translate:


Che cos'è

Certificati anagrafici online

Nessuna fila agli sportelli, più tempo per te!

Accedi al servizio

 


L’Anagrafe non può rilasciare informazioni in merito ai dati anagrafici dei cittadini, bensì deve provvedere all’emissione della prevista certificazione anagrafica a favore del soggetto richiedente.

I certificati anagrafici attestano situazioni desunte dagli archivi anagrafici. È possibile richiedere all'Ufficio Anagrafe le seguenti certificazioni anagrafiche, alla data attuale:

  • certificato di residenza
  • certificato di stato di famiglia
  • certificato di cittadinanza
  • certificato di stato libero
  • certificato contestuale (ad es. residenza, stato famiglia, stato libero e cittadinanza)
  • certificato anagrafico di nascita
  • certificato di residenza AIRE (Anagrafe degli italiani residenti all'estero)
  • certificato di famiglia AIRE

Tutti i certificati si possono fare anche direttamente online senza recarsi agli uffici alla pagina Certificazione anagrafica online. In questo caso non si pagano i diritti di segreteria e basterà apporvi il bollo.
I certificati sono esenti da bollo solo per specifici usi (vedi Costi e modalità di pagamento). 
I certificati sono validi sei mesi dalla data di emissione.

​Per le disposizioni della Legge n. 183/2011, dall’1.1.2012 i certificati rilasciati dal Comune (residenza, nascita, ecc..) sono validi solo tra soggetti privati. Alle pubbliche amministrazioni ed ai gestori di pubblici servizi (es. Enel, Publiacqua...), se richiesto, è sufficiente presentare un'autocertificazione oppure la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà

All'anagrafe possono inoltre essere richiesti certificati storici, attestanti cioè notizie anagrafiche pregresse (residenza e composizione del nucleo familiare).

inizio testo

Requisiti

A chi è rivolto

  1. I certificati anagrafici possono essere richiesti da tutti i cittadini, pubbliche amministrazioni, professionisti, che hanno necessità di certificare la posizione anagrafica di singoli o delle famiglie agli atti del Comune.
  2. Per i certificati storici, invece, la richiesta può essere presentata da chiunque, maggiorenne e che abbia un interesse diretto, concreto, attuale e giuridicamente tutelato. 
  3. Richieste di rilascio di certificati anagrafici storici per ricerche genealogiche non possono essere accolte in quanto non previste dalla natura anagrafica.
inizio testo

Come si ottiene

Termini, scadenze, modalità di presentazione della domanda

Certificati online

I certificati si possono fare direttamente online, senza recarsi agli uffici e senza pagare i diritti di segreteria, alla pagina Certificazioni anagrafiche online, tramite inserimento dei propri dati (codice fiscale e numero della carta di identità), oppure tramite CNS (Tessera sanitaria attivata, Tessera di iscrizione ad un Ordine professionale ecc…). 

Alcuni certificati anagrafici possono anche essere richiesti tramite i terminali polifunzionali "Jolly" o in tabaccheria con il servizio T-Serve.

 

Invio per posta

I documenti possono essere anche essere richiesti compilando il modulo predisposto (vedi Modulistica) e inviando in allegato la fotocopia del documento di identità del richiedente.

L'invio può essere effettuato nei seguenti modi:

Nel caso di richiesta postale, dovrà sempre essere allegata una busta preaffrancata per l’invio del certificato richiesto, munita dell’indirizzo del richiedente.

Se la certificazione richiesta è soggetta al pagamento di diritti o imposta di bollo, occorre effettuare il pagamento di quanto dovuto tramite bonifico bancario, specificando nella causale “Richiesta di certificazione anagrafica”, sul seguente IBAN: IT72T0306921531100000046012 intestato al Comune di Prato presso Banca Intesa San Paolo. Una volta inviata l'attestazione di avvenuto pagamento da parte del richiedente, il certificato richiesto verrà inviato (o spedito).

Nel caso di richiesta di certificazione storica di stato di famiglia soggetta a diritti di ricerca d’archivio, l’ufficio provvederà ad indicare successivamente l’importo da pagare e le relative modalità: una volta inviata da parte del richiedente l’attestazione di avvenuto pagamento del dovuto tramite bonifico, il certificato richiesto verrà spedito.

 

Costi e modalità di pagamento

Bollo, esenzioni e diritti di segreteria

Le certificazioni anagrafiche sono di norma soggette all'imposta di bollo (ai sensi del D.P.R. 642/72) per un importo complessivo di € 16.52 (comprensivo di € 16.00 di bollo e da € 0,52 per il pagamento dei diritti di segreteria), tranne nei casi in cui il certificato sia richiesto per gli utilizzi sotto elencati per i quali non si paga il bollo. In tal caso il certificato può essere soggetto ai soli diritti di segreteria di € 0,26 o gratuito come sotto specificato:
  • Adozione, affidamento e tutela minori ( art. 13, tab. all. B DPR 642/72 e art. 82 L. 184/1983): gratuito;
  • C.T.U. nominato dal Tribunale o dal P.M. – Curatore fallimentare ( art. 16, tab. all. B DPR 642/1972): gratuito;
  • Interdizione, inabilitazione, amministrazione di sostegno ( certificati da produrre nel procedimento – art. 13, tab. all. B DPR 642/72): euro 0,26;
  • Certificati richiesti da ONLUS ( art. 27/bis, tab. all. B dpr 642/72): euro 0,26;
  • Pensione estera ( art. 9, tab. all. B DPR 642/72): euro 0,26;
  • Processuale (certificati da richiedere esclusivamente nel corso del procedimento  – art. 18 DPR 115/2002 – Vi rientra l’uso notifica degli atti giudiziari);
  • Separazione legale/Divorzio ( L. 74/1987): gratuito;
  • Certificati richiesti da società sportive ( art. 8/bis, tab. all. B DPR 642/1972): euro 0,26.

L'utilizzo di certificati in carta libera, per usi diversi da quelli indicati sul certificato, è una forma di evasione fiscale.
Chi utilizza la procedura online non paga i diritti di segreteria e dovrà apporre sul certificato (se non esente) il bollo.

 

Certificazione anagrafica storica

a) per certificati antecedenti la data del 2.11.2009 (redatti a mano con ricerca d’archivio):

  • Certificato di Residenza storico: a) in esenzione dall’imposta di bollo € 2,58 ;b) soggetto ad imposta di BOLLO, marca da bollo da € 16,00 oltre a € 5,16 per diritti ;
  • Certificato di Stato di famiglia storico: a) in esenzione dall’imposta di bollo € 2,58 per ogni nominativo riportato, b) soggetto ad imposta di BOLLO, marca da bollo da € 16,00 oltre a € 5,16 per diritti per ogni nominativo riportato sulla certificazione (Legge 8.6.1962 art. 40, Tabella D).

 

b) per certificati storici successivi la data del 2.11.2009:

  • Certificato di Residenza storico: a) in esenzione dall’imposta di bollo € 0,26 ;b) soggetto ad imposta di BOLLO, marca da bollo da €16,00 oltre a € 0,52 per diritti ( totale € 16,52 a certificato);
  • Certificato di Stato di famiglia storico: a) in esenzione dall’imposta di bollo € 0,26 per ogni nominativo riportato b) soggetto ad imposta di BOLLO, marca da bollo da € 16,00 oltre a € 0,52 per diritti per ogni nominativo riportato sulla certificazione (Legge 8.6.1962 art. 40, Tabella D).

Tempi e iter della pratica

Il certificato viene rilasciato entro 30 giorni dalla data di ricezione della richiesta.

A chi rivolgersi

Per informazioni: Ufficio Anagrafe del Comune di Prato

inizio testo

Note

Segnalazioni e precisazioni

Si ricorda che dal 1 gennaio 2012 i certificati rilasciati dal Comune (residenza, nascita, ecc..) sono validi solo tra soggetti privati. Alle pubbliche amministrazioni ed ai gestori di pubblici servizi (es. Enel, Publiacqua...), se richiesto, dovrà essere presentata un'autocertificazione oppure la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà.

inizio testo

Responsabile del Procedimento

Anagrafe
Federico
Zuffanelli
Telefono: 0574 1835148
inizio testo

Altre informazioni utili

inizio testo

Funzionario antiritardo

Rosanna
Lotti
Telefono: 0574 1835138
Data ultima revisione dei contenuti della pagina: 29.07.2019

Condividi su:



- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Prato è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it