Traduci la pagina con Google Translate:


23.02.2017 - Modificate soglie di accesso con deliberazione di Assemblea dei Soci SdS n. 6 del 16.2.2017. Per richiedere l'assegno, la situazione reddituale e patrimoniale determinata secondo la normativa ISEE in vigore dal 2015, deve avere valore ISEE non superiore a Euro 26.000,00. Potrà essere presentato l’ISEE ordinario con nucleo anagrafico composto secondo le norme del D.P.C.M. n.159 del 2013, art.3, oppure secondo le modalità di cui all’art.6 del citato Decreto (ISEE socio-sanitario). L'ISEE può essere elaborato gratuitamente presso tutti i CAAF.

17.01.2017 - L’effettiva erogazione del contributo è dipendente dall’entità delle risorse stanziate annualmente. Le domande che non potranno ricevere immediata attivazione saranno inserite in apposita graduatoria redatta tenendo conto prioritariamente del punteggio attribuitoe, in subordine, dall’ordine di arrivo. La graduatoria viene aggiornata di mese in mese con le domande pervenute al Protocollo Generale nel mese precedente. Con determinazione dirigenziale n. 27 del 16.01.2016 sono state approvate le graduatorie delle domande di assegni di cura del mese di dicembre 2016 (vedi Allegati e documenti).

Che cos'è

L'assegno di cura è l'intervento economico a favore delle famiglie che si fanno carico autonomamente della cura di un anziano non autosufficiente.

L'assegno di cura sostiene parzialmente la spesa per un "assistente familiare" a pagamento esterno alla famiglia, o la comprovata riduzione del reddito della persona che si assume direttamente il compito di cura.

È una delle misure per favorire la permanenza al domicilio dell'anziano, nel proprio ambiente familiare.

L'assegno di cura è erogato sulla base di un Progetto Assistenziale Personalizzato definito con la famiglia a seguito di valutazione socio sanitaria dell'anziano.

A seguito della Convenzione, sottoscritta il 22.01.2016,  tra Società della Salute Area Pratese (SdS) ed i Comuni della stessa Area, per la gestione unitaria dei Servizi socio-assistenziali, la SdS si avvale del Comune di Prato per l'erogazione, tra gli altri, degli assegni di cura a livello di territorio provinciale pratese.

inizio testo

Requisiti

A chi è rivolto

Persone anziane dai 65 anni in su con i seguenti requisiti:

  • Condizione di non autosufficienza, con alto indice di gravità (da 3 a 5) accertato sulla base della valutazione effettuata dall'Unità di Valutazione Multidisciplinare (UVM);
  • Residenza nel territorio di uno dei Comuni dell'Area Pratese;
  • Situazione reddituale e patrimoniale (del solo beneficiario della prestazione) determinata secondo la normativa ISEE in vigore dal 2015 con valore ISEE non superiore a Euro 26.000,00. Potrà essere presentato l’ISEE ordinario con nucleo anagrafico composto secondo le norme del D.P.C.M. n.159 del 2013, art.3, oppure secondo le modalità di cui all’art.6 del citato Decreto (ISEE socio-sanitario). 

L'ISEE può essere elaborato gratuitamente presso tutti i CAAF oppure i cittadini possono elaborare e trasmettere autonomamente la Dichiarazione Sostitutiva Unica ai fini del calcolo ISEE, a patto che abbiano avuto il PIN da INPS o attivato la Carta Nazionale dei Servizi, alla pagina ISEE post riforma 2015 dal sito di Inps. 

Come indicato nel Regolamento per l'accesso ai contributi di cui alla Delibera di Assemblea n. 24 del 2013, della Società della Salute Pratese, come modificata dalla Delibera di Assemblea n.18 del 2015 l'entità dell'importo mensile dell'assegno di cura viene calcolato in base a tre fattori:

  1. Il livello di gravità (da 3 a 5);
  2. La presenza di assistente familiare ("badante") oppure di un familiare ("care giver") che si assume il compito di curare la persona rinunciando a parte del proprio reddito;
  3. Il valore ISEE.

Conoscendo questi tre elementi, è possibile simulare il calcolo del contributo mensile utilizzando il file apposito messo a disposizione nella sezione "Allegati e documenti".

In caso di assistenza prestata da assistente familiare a pagamento ed esterno alla famiglia devono, inoltre, essere presenti i seguenti requisiti: esistenza di un regolare rapporto di lavoro, come definito nel vigente Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro che regola la materia ovvero acquisto di servizi analoghi da organizzazioni ed imprese che applichino integralmente tali contratti e che siano inserite nell’apposito elenco ai sensi della vigente normativa regionale in tema di accreditamento, con un orario minimo di 26 ore settimanali con qualifica di “badante”.

In nessun caso possono essere assunte figure aventi legami familiari o affini con l’assistito.

inizio testo

Come si ottiene

Termini, scadenze, modalità di presentazione della domanda

Il cittadino, personalmente o mediante segnalazione di parenti, conoscenti, medico di medicina generale/altri operatori socio-sanitari o altri soggetti, si rivolge al "Punto insieme" del Presidio socio-sanitario di residenza per segnalare il suo bisogno (indirizzi al link "Sedi distrettuali - ex distretti socio-sanitari" presente in "Altre informazioni utili").

Gli operatori del "Punto Insieme" assicurano l'informazione sull'accesso alla rete dei servizi e delle prestazioni per la non autosufficienza, effettuano la valutazione multiprofessionale del bisogno e la trasmettono all'Unità di Valutazione Multidisciplinare (UVM) che definisce il Progetto Assistenziale Personalizzato (PAP), che dovrà essere condiviso con l'interessato e/o la sua famiglia mediante la sottoscrizione di un patto/contratto.

Tempi e iter della pratica

L’effettiva erogazione del contributo è dipendente dall’entità delle risorse stanziate annualmente. Le domande che non potranno ricevere immediata attivazione saranno inserite in apposita graduatoria redatta tenendo conto prioritariamente del punteggio attribuito dalla UVM e, in subordine, dall’ordine di arrivo. La graduatoria viene aggiornata di mese in mese con le domande pervenute al Protocollo Generale nel mese precedente.

A chi rivolgersi

Al "Punto Insieme" del Presidio socio-sanitario di residenza (indirizzi al link "Sedi distrettuali - ex distretti socio-sanitari" presente in "Altre informazioni utili").

inizio testo

Note

Segnalazioni e precisazioni

Come leggere la graduatoria

Per "pesatura" si intende la valutazione socio-sanitaria dell'anziano.
Nel rispetto della legge sulla Privacy, i nomi non vengono pubblicati; l'individuazione avviene mediante il numero di protocollo generale di pratica assegnato. La posizione in graduatoria viene inoltre comunicata direttamente agli interessati tramite lettera dove viene indicato il numero di protocollo generale di pratica assegnato, in modo tale che possano consultare gli aggiornamenti mensili e seguire la propria posizione in graduatoria.

inizio testo

Responsabile e antiritardo

Responsabile del Procedimento

Filippo
Di Carlo
Telefono: 0574 1836427

Funzionario antiritardo

Rosanna
Lotti
inizio testo

Allegati e documenti

inizio testo

Altre informazioni utili

inizio testo

Dove andare

 Servizi sociali e sanità

Sede
Via Roma
, 101
 (Ex casa di riposo)
 - 59100
 Prato
 PO
Centralino0574 1836448
Telefono: Assegno di maternità e nucleo familiare e abbattimento barriere architettoniche:  0574 1836411
Servizi e prestazioni a favore di minori: 0574 1836410 - 0574 1836420
Contributi per l'affitto: 0574 1836422 - 0574 1836408
Fax: 0574 1837357 - Sostegno anziani: 0574 1837360
OrarioLunedì e giovedì ore 9.00 - 13.00 e ore 15.00 - 17.00
E-mail
E-mail: sociale@comune.prato.it
 - anziani@comune.prato.it
 Guarda indirizzo sulla mappa (apre una nuova finestra)
inizio testo
Data ultima revisione dei contenuti della pagina: 23.02.2017

Condividi su:



- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Prato è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it