Comune di Prato


Traduci la pagina con Google Translate:


A decorrere dal 1 gennaio 2018 è istituito il Reddito di Inclusione, denominato “ReI”, come misura unica a livello nazionale di contrasto alla povertà e all’esclusione sociale. Le domande potranno essere presentate presso lo Sportello Spac di Via Roma 101 su appuntamento.

Per richiedere l'appuntamento telefonare al numero verde 800 574 111 (gratuito e raggiungibile da cellulari) dalle ore 9.00 alle ore 12.00 dal lunedì al venerdì, dal 1 dicembre 2017.

Che cos'è

Dal 1 gennaio 2018, è istituito il Reddito di Inclusione, denominato "ReI", riconosciuto ai nuclei familiari in condizioni di povertà come misura unica a livello nazionale di contrasto alla povertà e all’esclusione sociale. Il ReI è condizionato all’adesione a un progetto personalizzato di attivazione e di inclusione sociale e lavorativa (Decreto Legislativo 15 Settembre 2017, n. 147).

Il ReI prevede l’erogazione di un sussidio economico alle famiglie in condizioni economiche disagiate il cui nucleo familiare risultante nella DSU (dichiarazione sostitutiva unica), si trovi in una delle seguenti condizioni: presenza di minorenni, persone disabili con almeno un genitore, donna in stato di gravidanza accertata e lavoratori di età pari o superiore a 55 anni in stato di disoccupazione.

Il sostegno economico dura per un periodo continuativo non superiore a 18 mesi e viene erogato mensilmente attraverso l’attribuzione di una carta di pagamento elettronica, utilizzabile per l’acquisto di beni di prima necessità. Metà dell’importo potrà essere prelevato in forma di contante.

inizio testo

Requisiti

A chi è rivolto

Il Rei è riconosciuto su richiesta ai nuclei familiari che risultano, al momento della presentazione della richiesta e per tutta l’erogazione del beneficio, in possesso dei seguenti requisiti:

  1. valore ISEE in corso di validità pari o inferiore a € 6.000,00;
  2. valore ISRE (parametro in base al quale si calcola il reddito disponibile delle famiglie) non superiore ad € 3.000,00;
  3. valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superiore ad € 20.000,00.
  4. valore del patrimonio mobiliare, non superiore ad € 6.000, accresciuta di € 2.000 per ogni componente il nucleo familiare successivo al primo, fino ad un massimo di euro 10.00;
  5. residenza in Italia, in via continuativa, da almeno 2 anni;

Il nucleo familiare deve trovarsi al momento della richiesta con almeno una delle seguenti caratteristiche:

  • presenza di un componente di minore età
  • presenza di una persona con disabilità e di almeno un suo genitore ovvero di un suo tutore;
  • presenza di una donna in stato di gravidanza accertata (domanda da presentare non prima di 4 mesi dalla data presunta del parto);
  • presenza di almeno un lavoratore di età pari o superiore a 55 anni, che si trovi in stato di disoccupazione per licenziamento, anche collettivo, dimissioni per giusta causa o risoluzione consensuale ed abbia cessato da almeno 3 mesi, di beneficiare dell’intera prestazione per la disoccupazione.

Per ottenere il contributo è necessario che il nucleo familiare aderisca ad un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa, in un percorso volto al superamento della condizione di povertà, per riconquistare gradualmente l’autonomia.

Motivi di esclusione

Nessun componente deve essere intestatario a qualunque titolo o avente la piena disponibilità di autoveicoli e motoveicoli immatricolati per la prima volta nei 24 mesi antecedenti la richiesta (fatti salvi autoveicoli e motoveicoli per cui è prevista un’agevolazione fiscale in favore delle persone con disabilità), navi ed imbarcazione da diporto.

Nessun componente il nucleo deve essere beneficiario di strumenti di sostegno al reddito per disoccupati (Naspi o altro ammortizzatore sociale).

Il beneficio

I livelli mensili massimi del beneficio, in base alla quantità di individui che compongono il nucleo familiare, ammontano a:

  • 1 persona: 187,50 €
  • 2 persone: 294,38 €
  • 3 persone: ​382,50 €​
  • 4 persone: 461,25 €
  • 5 e più persone: ​485,40 €
inizio testo

Come si ottiene

Termini, scadenze, modalità di presentazione della domanda

Le domande potranno essere presentate presso lo Sportello Spac dei Servizi Sociali prendendo appuntamento dal 1 Dicembre 2017 al numero verde (gratuito e raggiungibile da cellulari) 800 574 111 dalle ore 9 alle 12, dal lunedì al venerdì. 

Il contributo ha validità per un periodo continuativo non superiore a 18 mesi. Al momento in cui si presenta la domanda è opportuno essere già in possesso di un’attestazione ISEE in corso di validità. 
Superati i 18 mesi, il sostegno non potrà essere nuovamente richiesto se non sono trascorsi almeno 6 mesi dall’ultimo beneficio percepito.

La domanda può essere presentata, senza scadenza, esclusivamente presso lo Sportello SPAC dei servizi sociali (garantita assistenza compilazione pratiche)

Documenti da presentare

  • copia di documento di identità in corso di validità;
  • attestazione ISEE in corso di validità;
  • per i cittadini stranieri non comunitari: copia di titolo di soggiorno per soggiornanti di lungo periodo in corso di validità;
  • copia certificazione medica attestante lo stato di gravidanza rilasciata da una struttura pubblica non prima di 4 mesi dalla data presunta del parto (in caso di richiesta da parte di donna in stato di gravidanza accertata);
  • documentazione attestante lo stato di disoccupazione di un lavoratore di età pari o superiore a 55 anni per licenziamento, dimissioni per giusta causa o risoluzione consensuale, con cessazione da almeno 3 mesi del beneficio della prestazione per la disoccupazione;
  • patto di servizio rilasciato dal Centro per l'impiego.

Per i richiedenti che usufruiscono dell’assegno al nucleo familiare con almeno 3 figli, è necessario presentare anche il riferimento dell’iban. La carta su cui verrà erogato il contributo sarà la medesima di quella rilasciata da Inps per il pagamento dell’assegno al nucleo. 

Per coloro che hanno tre figli minori e non hanno presentato domanda per assegno al nucleo, dovranno presentarsi con il riferimento dell’iban, in quanto verrà accreditato anch’esso sulla carta prepagata Rei. 

Tempi e iter della pratica

I cittadini in possesso dei requisiti possono prenotare appuntamento per la presentazione della domanda a partire dal 1 Dicembre 2017. Successivamente il Comune inoltra le richieste all'INPS che verifica tutte le condizioni e dispone gli eventuali benefici economici, erogati attraverso una carta prepagata.

Dopo l’esame delle domande entro 45 gg dalla presentazione, il Comune trasmette il progetto personalizzato all’INPS che procederà all’erogazione del beneficio economico del Rei, coinvolgendo Poste per le opportune comunicazioni all’utente (es. ritiro della card + pin).

A chi rivolgersi

Prenotazione appuntamenti: Numero verde 800 574 111 (gratuito e raggiungibile da cellulari) dalle ore 9.00 alle ore 12.00 dal lunedì al venerdì.

Presentazione domanda (solo su appuntamento): presso lo sportello SPAC dei servizi sociali

Informazioni: URP multiente

inizio testo

Note

Segnalazioni e precisazioni

Variazioni stato di famiglia
In caso di variazione del nucleo familiare, in corso di fruizione del beneficio, dovrà essere presentata una nuova DSU aggiornata, fermi restando il mantenimento dei requisiti, entro due mesi dalla variazione. Nell’ipotesi di interruzione nella fruizione del beneficio, diversa dall’applicazione delle sanzioni, il beneficio può essere richiesto nuovamente per una durata complessiva non superiore al periodo residuo non goduto.

Variazioni dei redditi
In caso di variazione della situazione lavorativa nel corso dell’erogazione del ReI, i componenti del nucleo sono tenuti, pena la decadenza dal beneficio, a comunicare all'INPS:

  • Il reddito annuo previsto del componente la cui situazione lavorativa è variata entro 30 giorni dall'inizio
  • il reddito annuo previsto del componente in possesso di redditi da lavoro non rilevati nell’ISEE in corso di validità utilizzato per l’accesso al beneficio.

Condizioni da rispettare
I componenti il nucleo familiare beneficiario del ReI sono tenuti ad attenersi ai comportamenti previsti nel progetto personalizzato.

Mediante il ReI-com (vedi Allegati e documenti) dovranno essere comunicate all'INPS le eventuali variazioni della situazione lavorativa e reddituale dei beneficiari del ReI e/o per attestare eventuali redditi da lavoro che non siano stati valorizzati nell'attestazione ISEE in corso di validità al momento della presentazione della domanda. La persona interessata dovrà informare l’INPS entro trenta giorni dall’inizio dell’attività.

Carta Acquisti
Dal 1° gennaio 2018, ai nuclei familiari con componenti minorenni beneficiari della carta acquisti che abbiano fatto richiesta del ReI, il beneficio economico connesso al ReI è erogato sulla medesima carta, assorbendo integralmente il beneficio della carta acquisti eventualmente già riconosciuto.

Compatibilità con altri trattamenti
In caso di fruizione di altri trattamenti assistenziali da parte di componenti del nucleo familiare, il valore mensile del ReI è ridotto del valore mensile dei medesimi trattamenti.

inizio testo

Responsabile e antiritardo

Responsabile del Procedimento

Cristina
Brogi
Telefono: 0574 1836436

Funzionario antiritardo

Rosanna
Lotti
inizio testo

Allegati e documenti

inizio testo

Dove andare

 Sportello Spac (Sportello pratiche amministrative per i cittadini) - Servizio Sociale

Sede
Via Roma
, 101
 (presso il Servizio Sociale)
 - 59100
 Prato
 PO
Telefono: 0574 183 6443 - Sostegno per Inclusione Attiva (S.I.A.)
0574 183 6444 - Contributo statale per la prevenzione degli sfratti
800 574 111 - Reddito di inclusione (Rei)
OrarioOrario sportello al pubblico:
lunedì e giovedì 15.00-17.00; martedì, mercoledì e venerdì ore 9.00-13.00.

Orario per Contributi affitto:
consegna documentazione integrativa da lunedì e giovedì dalle ore 14.00 alle ore 16.30 - martedì, mercoledì e venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.45.

Prenotazione telefonica appuntamenti (vedi numeri sopra):
- Sostegno per Inclusione Attiva (S.I.A.) aiuto alla compilazione: lunedì e giovedì ore 15.00-17.00;
- Contributo statale per la prevenzione degli sfratti: dal lunedì al venerdì ore 11.00-13.00.
- Reddito di inclusione (Rei): per appuntamento telefonare al numero verde 800 574 111 (gratuito e raggiungibile da cellulari) dalle ore 9.00 alle ore 12.00 dal lunedì al venerdì.
 Guarda indirizzo sulla mappa (apre una nuova finestra)
inizio testo
Data ultima revisione dei contenuti della pagina: 15.12.2017

Condividi su:



- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Prato è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it