salta la barra Comune di Prato » Buone prassi e cooperazioni » Progetti conclusi » Route-To-PA (Raising Open and User-friendly Transparency-Enabling Technologies fOr Public Administration)

Comune di Prato

Buone pratiche e cooperazioni del Comune di Prato

Buone prassi e cooperazioni

Route-To-PA (Raising Open and User-friendly Transparency-Enabling Technologies fOr Public Administration)

Route-To-PA (Raising Open and User-friendly Transparency-Enabling Technologies fOr Public Administration)

Settori comunali coinvolti

Sistema Informativo
Ruolo del Comune di Prato: Partner e sito pilota

Obiettivi e descrizione del progetto

Il progetto ha lo scopo di favorire la trasparenza, attraverso le seguenti azioni:
1. sviluppare una piattaforma sociale per gli open data (Social Platform for Open Data, SPOD) che favorisca l’interazione sia tra gli stessi utenti che utilizzano gli open-data, sia tra questi ultimi e i dati della pubblica amministrazione;
2. costruire il Transparency-Enhancing Toolset (TET) come estensione delle maggiori piattaforme open-data;
3. sviluppare un insieme di suggerimenti (GUIDE) come buone prassi per la presentazione di open data, al fine di ottenere una trasparenza di alta qualità.

ROUTE-TO-PA è un progetto multidisciplinare innovativo che, grazie all’apporto di esperti e ricercatori nel campo dell’amministrazione digitale, dell’informatica e dell’economia, punta a migliorare l’impatto delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione per favorire la trasparenza delle pubbliche amministrazioni.

Con le tecnologie introdotte dal progetto, i cittadini saranno agevolati nell'interazione sugli "open data": si potranno inserire i dati in comunità online esistenti o nuove, in cui si potranno condividere interessi comuni e in cui discutere temi di rilevanza su politica locale, fornitura di servizi, normativa, ecc.

Il progetto vuole fornire una comprensione globale della trasparenza: saranno sostenute tutte le varie iniziative sugli open-data, per assicurare che i dati pubblicati siano di interesse per i cittadini e che siano fruibili al meglio (ad esempio, con visualizzazioni personalizzate per diversi gruppi di utenti basate su profili personali).

L'obiettivo primario quindi è creare una “relazione utile e personalizzata” tra cittadini e open-data: non solo una relazione tra pubblica amministrazione e il singolo cittadino ma anche tra pubblica amministrazione e gruppi di cittadini che attribuiscono collettivamente significato agli open data. 

Il progetto prevede di realizzare delle attività pilota nelle seguenti località:
1. Dublin (Ireland)
2. Prato (Italia)
3. Groningen (The Netherlands)
4. Den Haag (The Netherlands)
5. Paris - Issy Les Moulineaux (France)

Azioni
Per il Comune di Prato, la piattaforma SPOD è stata attivata al link http://prato.routetopa.eu. I cittadini possono partecipare a discussioni basate sugli open data ed interagire con la pubblica amministrazione. Rispetto ai tradizionali social network, le discussioni sono organizzare in “Stanze Pubbliche”; inoltre, ogni utente ha uno spazio personale, denominato “Spazio privato”, in cui è possibile aggiungere visualizzazioni di open data, indirizzi web e note da riutilizzare successivamente in una discussione. Inoltre, attraverso la funzionalità della "cocreazione", gli utenti possono contribuire alla creazione condivisa di nuovi dataset che potranno poi essere pubblicati sulla piattaforma e discussi con gli altri utenti.

A novembre 2016 si è aperta la prima sperimentazione della piattaforma, con l'obiettivo di coinvolgere i cittadini nell'ampliamento della rete wifi pubblica che il Comune sta realizzando. I soggetti interessati possono suggerire nuove localizzazioni per le postazioni wifi attraverso la costruzione condivisa sulla piattaforma SPOD di un nuovo dataset, che sarà poi valutato dall'Amministrazione.

Risultati
Ad oggi, la piattaforma SPOD è stata implementata nei 5 siti pilota del progetto nelle lingue corrispondenti. L'accesso agli open data è stato inoltre realizzato attraverso l'implementazione nei siti pilota della CKAN TET, integrata con la piattaforma SPOD.

Finanziamento del progetto
Il progetto Route-to-PA (2015-2018) è finanziato nell'ambito del programma H2020 della UE (call H2020-INSO-2014), con un budget complessivo di Euro 3.054.625,00.

Enti coinvolti

1) Università degli Studi di Salerno (Italia, coordinatore) - http://web.unisa.it/home
2) Comune di Prato - http://www.comune.prato.it/
3) Centre National de la Recherche Scientifique (France) - http://www.cnrs.fr/
4) Wise & Munro Learning Research (The Netherlands)
Insight Center for Data Analytics, National University of Ireland, Galway (Ireland) - https://www.insight-centre.org/
5) Warsaw School of Economics (Poland) - http://www.sgh.waw.pl/
6) Utrecht University (The Netherlands) - http://www.uu.nl/
7) Ancitel (Italia) - http://www.ancitel.it/
8) Ortelio (UK) - http://www.ortelio.co.uk/
9) Den Hague Town Council (The Netherlands) - http://www.dublincity.ie/ http://www.denhaag.nl/home.htm
10) Dublin Town Council (Ireland)
11) Comune di Prato (Italia)
12) Open Knowledge Foundation (UK) - https://okfn.org/

Pilot aggiuntivi:
Issy- les-Moulineaux (France)
Dutch Ministry of Interior (The Netherlands)

Finanziamento

Unione Europa per un importo totale di 3.054.625,00 €
Quota finanziamento per Comune di Prato 125.000,00 €
Percentuale finanziamento 100 %

Tempistica

Progetto pluriennale
Data inizio: 01-02-2015
Data fine: 31-05-2018


Ultimo aggiornamento dei contenuti:
giovedì 19 agosto 2021
- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Prato è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it