Traduci la pagina con Google Translate:


Prorogato al 31.12.2022 il termine per la presentazione dei titoli abilitativi di cui alla L.R. 24/2009 (Piano Casa) e modificato l'art. 3-bis (L.R. 24/2009) per gli interventi sugli edifici a destinazione d'uso industriale o artigianale e commerciale al dettaglio.

Che cos'è

La segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) è l’atto necessario per dare inizio agli interventi straordinari di ampliamento e di demolizione e ricostruzione del patrimonio edilizio esistente, definiti dalla l.r. n. 24/2009, che è stata prorogata sino alla data del 31/12/2020. Nella suddetta legge che prende il nome di “Piano casa” sono indicati i requisiti e le prescrizioni specifiche per la fattibilità degli interventi in ordine anche alle peculiari destinazioni: abitative o industriali/artigianali.

Quale utile compendio alla comprensione dell’apparato normativo, l’amministrazione ha redatto delle linee guida (vedi sezioni Note).

La SCIA “Piano casa” è  presentata dal proprietario, o da chi ne abbia titolo, al Sueap e deve essere accompagnata  dalla relazione sottoscritta da parte di progettista abilitato (architetto, ingegnere, geometra, perito edile) che asseveri la conformità degli interventi ed opere da realizzare agli strumenti di pianificazione urbanistica comunali adottati o approvati ed al regolamento edilizio, nonché il rispetto delle ulteriori discipline di settore incidenti sull’attività edilizia.

La data di presentazione della SCIA costituisce inizio dei lavori. Il termine di validità della SCIA é fissato in tre anni, che decorrono dalla data di presentazione ovvero dalla data di efficacia, qualora subordinata all’ottenimento degli specifici atti di assenso.

Nei casi in cui la realizzazione dell’intervento è subordinata all’acquisizione di nulla osta, autorizzazioni e o atti di assenso comunque denominati, la cui richiesta può essere effettuata contestualmente alla presentazione della SCIA, l'efficacia  decorre dalla data del relativo rilascio.

Al termine dei lavori deve essere inviato al Comune, la "Comunicazione di fine lavori” (vedi sezione Modulistica) unitamente agli adempimenti dall’ art. 42 del vigente regolamento edilizio.

Con le modifiche introdotte alla l.r. n. 24/2009 con la l.r. n. 79 del 18/12/2015 è facoltà dell'istante presentare in luogo della SCIA la richiesta di permesso di costruire.

inizio testo

Come si ottiene

Termini, scadenze, modalità di presentazione della domanda

La Segnalazione certificata di inizio attività deve essere presentata  esclusivamente con procedura telematica dalla pagina Sueap-on line-edilizia, segnalazione certificata di inizio attività

La documentazione elettronica da trasmettere deve avere le caratteristiche individuate nell’Allegato tecnico presente nella sezione Allegati e documenti

Documenti da presentare

La presentazione dovrà essere effettuata utilizzando la modulistica predisposta dal Servizio e consultabile integralmente al seguente in questa pagina alla sezione Modulistica. La documentazione da inoltrare dovrà essere sottoscritta digitalmente secondo le indicazioni contenute nella procedura telematica e redatta secondo le prescrizioni contenute nell’allegato 1 del vigente Regolamento edilizio.

Si precisa inoltre che devono essere allegate:

La procedura telematica, in base alle  caratteristiche dell'intervento ed alle scelte effettuate nella compilazione, richiede gli allegati: ci sono allegati obbligatori e allegati facoltativi. Per ogni documento è specificato se deve essere firmato digitalmente oppure no.

Tra gli allegati obbligatori della comunicazione dovrà risultare:

  • Attestato di pagamento dei Diritti di segreteria in funzione dell’intervento.
  • Autocalcolo del contributo di costruzione, se dovuto in funzione della tipologia dell’intervento, redatto dal professionista abilitato, utilizzando la modalità calcolo oneri, (vedi anche Contributo di costruzione: disciplina e modalità di calcolo) determinato con le modalità stabilite dall’allegato 2 del Regolamento edilizio (vedi Altri link utili).
  • Attestato comprovante l'avvenuto versamento del contributo di costruzione, se dovuto,  pagate tramite il sistema T-Serve.
  • In caso di scelta pagamento rateizzato occorre allegare la domanda su apposito modulo, il prospetto dello schema di rateizzazione e le relative garanzie. Vedi Contributo di costruzione: rateizzazione.

AREE A RISCHIO ARCHEOLOGICO

L'art. 150 bis delle N.T.A. del Piano Operativo Comunale, ha prescritto per taluni interventi ricadenti appunto in dette aree  l'obbligo dell'inoltro della Comunicazione di preavviso alla competente Soprintendenza, secondo il seguente ambito di cogenza (il modello della comunicazione contenente anche le modalità di inoltro è direttamente scaricabile dalla sezione modulistica della presente pagina) : 

interventi edilizi ricadenti nelle aree con rischio archeologico, (così come cartografate nelle TAV. n. 11.1, 11.2 e 11.3 del vigente Piano Operativo), che siano effettuati:

a) su suoli inedificati e che prevedono scavi o movimentazioni di terreno eccedenti i cm. 50 dal piano di campagna su superfici superiori ai 2 mq;
b) in contesti già edificati che comportino scavi a quote diverse da quelle già impegnate dai manufatti esistenti.

 

Servizio di consulenza funzionale all'istruttoria

Prima della presentazione della pratica è facoltà del professionista abilitato alla redazione del progetto, avvalersi del servizio di consulenza funzionale all'istruttoria introdotto dal D. Lgs. N. 222/2016 (decreto Madia) all'art. 1, comma 3 “attività di consulenza funzionale all’istruttoria” messo a disposizione dall’ufficio. Per informazioni sul servizio e sulla modalità di accesso cliccare su: “attività di consulenza funzionale all’istruttoria”.

Per prenotare un appuntamento: Accedi all’agenda degli appuntamenti

Costi e modalità di pagamento

Da pagare tramite il sistema T-Serve.

All’atto della presentazione della scia deve essere allegato, quale allegato obbligatorio, l’attestato comprovante l’avvenuto versamento del contributo di costruzione, se dovuto.

Qualora sia esercitata la facoltà di effettuare le somme a titolo di contributo di costruzione in forma rateizzata, la stessa dovrà essere effettuata allegando, contestualmente alla presentazione della SCIA, il prospetto dello schema di rateizzazione e le relative garanzie che puoi trovare alla pagina Contributo di costruzione: rateizzazione.

Tempi e iter della pratica

I lavori possono iniziare dalla data di invio della SCIA.

Rinuncia alla esecuzione delle opere

Qualora il soggetto che ha presentato la pratica intenda rinunciare all’esecuzione delle opere, dovrà presentare allo Sportello Unico, mediante Pec, apposita relazione descrittiva circa la rinuncia all’esecuzione delle opere in progetto. A tale relazione contenente l’oggetto, gli identificativi dell’immobile e della pratica edilizia, dovrà essere allegata quale prova attestante in maniera non equivoca la mancata esecuzione, idonea ed esaustiva documentazione fotografica, con data di scatto.

inizio testo

Note

Segnalazioni e precisazioni

Riferimenti e regolamenti

inizio testo

Responsabile del Procedimento

Simona
Fedi
Telefono: 0574 1836849
inizio testo

Allegati e documenti

inizio testo

Modulistica

inizio testo

Altre informazioni utili

inizio testo

Dove andare

 Sportello per l'edilizia e le attività produttive (Sueap)

Sede
Via Giotto
, 4
 - 59100
 Prato
 PO
Centralino0574 1836855 (attivo il venerdì dalle 9.00 - 11.00)
Telefono: Servizio di help desk della Rete Regionale dei Suap dedicato al solo supporto tecnico informatico per problemi nell'utilizzo del Sistema Telematico di Accettazione Regionale (STAR) delle pratiche:
- Numero verde 800 980102 (con orario 8.00-20.00 dal lunedì al sabato, escluso festivi), fax 055 0481460, email reteregionale-suap@regione.toscana.it

Assistenza telefonica da parte del SUEAP del Comune di Prato, per ogni altro problema amministrativo:
- Numero 0574 1836855, il venerdì ore 9.00 - 11.00
Fax: 0574 1837373 (edilizia)
0574 1837355 (impresa)
OrarioLunedì e giovedì solo su appuntamento.
Per informazioni e appuntamenti: numero provvisorio 0574 1836901 (da lunedì a venerdì dalle 9.30 alle 13.00, al numero provvisorio 0574 1836901.
Per prenotare un appuntamento è possibile anche inviare una mail o per alcune pratiche è disponibile il servizio online.
E-mail
E-mail: sportelloedilizia@comune.prato.it
 - attivitaeconomiche@comune.prato.it
Sito web
Note

infoedilizie@comune.prato.it (per informazioni sui servizi online di presentazione pratiche)

La sede del SUEAP ospita gli incontri dell'Organismo di Composizione della Crisi da sovraindebitamento.

 Guarda indirizzo sulla mappa (apre una nuova finestra)
inizio testo

Funzionario antiritardo

Francesco
Caporaso
Telefono: 0574 1835908
Data ultima revisione dei contenuti della pagina: 04.10.2021

Condividi su:



- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Prato è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it